Principale Arte, Cultura & Società Due edicole votive nel centro storico da restaurare urgentemente

Due edicole votive nel centro storico da restaurare urgentemente

Due edicole votive richiedono urgenti restauri REDAZIONE ALTAMURA - ALTA MURGIA

Immagine di copertina Edicola B.V. sotto l'arco del Duomo

Due immagini sacre situate in pieno centro storico richiedono un urgente restauro, prima che sia troppo tardi.

Attraverso queste colonne si fa appello all’Arcivescovo S.E. Mons. Giovanni Ricchiuti e al Direttore del Museo  diocesano, don Nunzio Falcicchio, nonché  all’attuale Commissario prefettizio, dott.ssa Mariarita Iaculli, visto che l’Amministrazione Melodia non c’è più.

Parliamo innanzitutto dell’edicola votiva esistente sotto l’Arco del Duomo rappresentante la Beata Vergine con Bambino seduta sul trono, dove sotto l’immagine una targa recita “Salve Regina”.

L’opera, dichiara il prof. Pupillo  storico e presidente dell’A.B.M.C., è attribuita al pittore altamurano Pasquale Rossi vissuto nell’Ottocento.

Da qualche  anno  la sacra immagine, dipinta su una lastra di marmo, continua a scolorirsi, tanto che la figura del Bambino si è degradata. Anche la poltrona  policroma su cui siede la Madonna ha perso la sua lucentezza.

La Deposizione
Claustro Ruggero

L’altra immagine che richiede un intervento di restauro urgente,  di cui lo scrivente è stato sollecitato  dai residenti, è quella della “Deposizione” presente in Claustro Ruggero (dietro Palazzo Baldassarre -angolo via Forno Nuovo).

Il dipinto, racchiuso in una nicchia rettangolare ed esposta agli agenti atmosferici, si è fortemente deteriorata. Un’anziana signora abitante nel claustro, molto dispiaciuta del degrado che sta subito la sacra immagine, fa appello alle istituzioni affinché  non vada persa questa testimonianza storica del claustro, di cui purtroppo non si conosce né l’autore né la datazione.

Don Nunzio Falcicchio intervistato dalla nostra Redazione locale, ha fatto presente che l’intervento di restauro delle  due opere rientra nella responsabilità del Comune di Altamura, in quanto fanno parte del suo  patrimonio culturale.

Fatta questa precisazione, si fa appello alla sensibilità della Commissaria prefettizia dott.ssa Mariarita Iaculli, affinché possa interessare i canali giusti, magari  contattando una  impresa specializzata  del territorio che si occupa di restauri di opere pittoriche.

 

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.