Principale Arte, Cultura & Società Un tuffo nel passato napoleonico – Il Quirinale dove soggiornarono due Papi...

Un tuffo nel passato napoleonico – Il Quirinale dove soggiornarono due Papi murgiani

La scrittrice e giornalista  Bianca Tragni, Presidente del Club Federiciano, celebra   il bicentenario della morte dell’Imperatore Napoleone Bonaparte

Foto di copertina

Da sx: Presidente  Bianca Tragni – sindaca Rosa Melodia -Dott.  P.A. Lucchetti – Assessora Margherita Fiore

by Giovanni Mercadante

La straordinaria eredità di Napoleone lasciata al popolo italiano tra leggi, palazzi sontuosi, arte e cultura. Una rivoluzione culturale nell’arco di un decennio: 1805-1815.

La scrittrice e giornalista  Bianca Tragni, Presidente del Club Federiciano, nel celebrare  il bicentenario della morte dell’Imperatore Napoleone Bonaparte, ha fatto presente che risvegliare questa memoria  è un’occasione per approfondire temi a volte contrastanti, ma degni di attenzione, perché ogni regime presenta ombre  e lati positivi.

 All’appuntamento di sabato 14 maggio 2022, la sala consiliare del Palazzo di Città era gremita di un numeroso  pubblico, con  una elevata presenza di donne, di “vitamina D”, per un usare un eufemismo coniato dal Dott. Pietro Alberto Lucchetti, Consigliere  alla Cultura della Presidenza della Repubblica, illustre relatore invitato a descrivere  il monumentale Palazzo del Quirinale a Roma.

Tra gli ospiti è stata registrata la presenza del prof. Pietro Pepe, già Presidente del Consiglio Regione Puglia; della dott.ssa  Daniela De Bellis  già funzionaria della Sovrintendenza ai Beni culturali di Bari  e presidente del  Club Soroptmist di Bari, molto legata ad Altamura per aver seguito anni fa il restauro della pala dell’altare maggiore della Madonna dell’Assunta in  cattedrale; nonché  della Vicepresidente  nazionale del Club Unesco Dott.ssa Maria Simone, di Cassano delle Murge.

Sono intervenuti per il saluto istituzionale la Sindaca, avv. Rosa Melodia e l’Assessora alla Cultura avv. Margherita Fiore.

Sotto il  governo napoleonico furono attuate numerose riforme: il Codice napoleonico, entrato in vigore nel regno il 1º gennaio 1809; un  sistema legislativo civile che consentiva per la prima volta in Italia il divorzio e il matrimonio civile;  il cinema vide l’apparizione del film muto; nel campo della moda si affermò  lo “Stile Impero”.

Il dott. Pietro Alberto Lucchetti, da 22 anni presso la Presidenza della Repubblica, profondo esperto dello storico palazzo del Quirinale sede rappresentativa del presidente della Repubblica Italiana, ha conosciuto quattro Presidenti, di cui due  con doppio mandato (Giorgio Napolitano e Sergio Mattarella).

Detto palazzo, pseudo napoleonico – ha esordito   P.A. Lucchetti – ha una vicenda storico-artistica piuttosto travagliata per i numerosi cambiamenti subiti nel corso dei secoli. E’ un palazzo unico nel suo genere che parte dai Sabini, passa per l’imperatore Augusto, per Costantino ed arriva fino ai giorni nostri.

Da sx: Daniela De Bellis -Bianca Tragni -Rosa Melodia- P.A. Lucchetti – Margherita Fiore  – Patella Rosa

E’ una struttura senza identità; durante il Rinascimento fu nella proprietà della potente famiglia napoletana dei Carafa, il cui edificio, considerato villa di campagna, presentava fino al 1538 una torretta di vedetta. La sua estensione, considerevole: circa 112 mila metri quadri; la struttura all’epoca  era al servizio del giardino. Furono  studiati progetti di cambiamento, a cui partecipò il grande artista poliedrico Gian Lorenzo Bernini che realizzò  l’ingresso per il corteo delle carrozze dal lato secondario.

E’ stato definito un palazzo senza  amore, senza  calore, perché  non ha mai avuto una donna come padrone di casa; insomma  è stato sempre carente di “vitamina D”, come scherzosamente ha ribadito il Consigliere P.A. Lucchetti.

La stratificazione padronale più significativa si ha dal 1538 al 1730,  con l’arrivo di Papa Innocenzo XII alias Antonio Pignatelli e Papa Benedetto XIII alias Pierfrancesco Orsini, entrambi murgiani; il primo di Spinazzola, il secondo di Gravina in Puglia. Questi due illustri personaggi iniziarono a lasciare le loro impronte con lavori di adeguamento alle esigenze del loro governo.

Nel 1809, l’Imperatore Napoleone Bonaparte  da Vienna lancia un proclama: Roma diventa capitale, seconda città imperiale dopo Parigi;  e così il palazzo del Quirinale rientra tra i suoi favoriti.

Papa IX  Ferretti (dal 1846 al 1878) era considerato uno jettatore; perciò gli “inquilini” dopo di lui potevano essere influenzati dalla jattura, tanto che Vittorio Emanuele II non voleva entrare a nessun costo in detta residenza, temeva qualche disgrazia.

Napoleone, proclamandosi Re d’Italia, realizza il suo mondo ideale. Al suo seguito aveva  un paio di generali, i quali  su indicazioni di Antonio Canova consigliò di incaricare  l’architetto Raffale Stern, di origine tedesca; a questo fu affidato  il progetto caro all’imperatore eseguendo opere di straordinaria bellezza che cambiarono il  volto del palazzo.

Difficile fare un parallelismo tra la reggia di Versailles e il Quirinale. Versailles innanzitutto è molto più piccola in termini di estensione.

Piuttosto si potrebbe accostare un paragone tra i Musei vaticani e il Quirinale per la sovrapposizione degli interventi fatti nel tempo.

Il grande “Corso” amava i fregi, le decorazioni, i marmi a mosaico. In quel periodo furono censiti tutti i monumenti di Roma, dal Colosseo in poi

Con il cambio di regime, i Savoia smontarono poco alla volta il Quirinale sostituendo opere parietali di pregevole fattura  con  opere sconnesse, dal gusto orrido. Per esempio, la sala delle “Dame”  con i Savoia l’arredo fu completamente rifatto.

Il programma messo in campo dalla vulcanica Bianca Tragni è ricco di appuntamenti, spalmato da maggio  a tutto il periodo estivo; figura centrale  Napoleone Bonaparte.

A  giugno prossimo  si parlerà del Regno d’Italia di Napoleone Bonaparte; del Regno di Napoli  di Gioacchino Murat; di Jeronimo Bonaparte, fratello di Napoleone, che abolì la schiavitù in Germania. E’ previsto l’intervento del tedesco dott. Johann Georg Bricht di Passau (sud Baviera).

Foto di gruppo del Club Federiciano

Altro appuntamento è il 9 luglio  con una conferenza e mostra di gioielli napoleonici da collezione presso la nota  gioielleria Adorante a cui parteciperà il dott. Domenico Lantini; la conferenza è prevista nell’androne del palazzo Santoro-Rella.

L’illustre conferenziere Pietro Alberto Lucchetti  è stato omaggiato dalla sindaca avv. Rosa Melodia con il “Crest” Città di Altamura; e dal Club Federiciano con   due  significativi “cadeau”: una litografia raffigurante Napoleone Bonaparte del pittore Ivo Falchi e con  una triade di  recenti pubblicazioni  della Presidente e scrittrice Bianca Tragni su conferenze a temi napoleonici.

 

 

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.