Principale Estero La polizia del Congo annuncia l’arresto dei presunti assassini di Luca Attanasio

La polizia del Congo annuncia l’arresto dei presunti assassini di Luca Attanasio

Secondo quanto riferiscono su Twitter i giornalisti che hanno seguito la conferenza stampa sul posto, per la polizia

© Ministerio degli Esteri – Luca Attanasio

La polizia del Congo ha annunciato l’arresto dei presunti assassini dell’ambasciatore Luca Attanasio, ucciso nel febbraio dell’anno scorso. Secondo quanto riferiscono su Twitter i giornalisti che hanno seguito la conferenza stampa sul posto, secondo la polizia l’idea iniziale era di rapire l’ambasciatore per ottenere un riscatto di 1 milione di dollari.

Il comandante della polizia nazionale della provincia di Goma, in Congo, ha oggi annunciato di avere arrestato una banda, chiamata Aspirant, composta di sei persone. Come ha detto all’Agi il giornalista di France24 Justin Kabumba, “solo due di loro sono i presunti assassini dell’ambasciatore Luca Attanasio, e uno di loro ha confessato”.

Un terzo componente del commando che uccise il diplomatico italiano resta ricercato, sarebbe il capo della banda. “Inizialmente, non era loro intenzione uccidere Attanasio – ha detto il giornalista, riferendo le parole della polizia durante la conferenza stampa – avevano programmato di rapirlo per chiedere un riscatto di un milione di dollari. Le cose sono andate male, il piano e’ fallito e i rapitori hanno subito ucciso l’ambasciatore”.

L’ambasciatore italiano nella Repubblica Democratica del Congo, Luca Attanasio, e un carabiniere della scorta, Vittorio Iacovacci, sono stati uccisi lo scorso febbraio in un attacco a un convoglio delle Nazioni Unite nel parco dei Virunga, nella parte est del Paese. Il diplomatico italiano era rimasto coinvolto in un’imboscata condotta da miliziani armati contro mezzi dell’Onu in transito su una strada a nord della città di Goma, capoluogo della provincia orientale congolese del Nord Kivu.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.