Principale Estero I Balcani occidentali incontrano l’UE: piano di crescita al vertice regionale

I Balcani occidentali incontrano l’UE: piano di crescita al vertice regionale

Lunedì la Macedonia del Nord ha ospitato i leader dei paesi dei Balcani occidentali nella capitale Skopje per un vertice dell’iniziativa Open Balkan e un vertice Balcani occidentali-Unione Europea, per discutere il Piano di crescita dell’UE per la regione. Il tema centrale di questo incontro ad alto livello che ha riunito i primi ministri dei Balcani occidentali e i rappresentanti delle organizzazioni partner è stato il piano d’azione per il mercato regionale comune, coordinato dall’RCC, il trampolino di lancio della regione verso il mercato unico dell’UE e l’adesione all’UE. Nelle conclusioni congiunte, i leader hanno riaffermato il loro impegno a continuare a lavorare con impegno, riconoscendo lo strumento come un’opportunità per attuare riforme vitali e ridurre il divario di convergenza con l’Unione europea.

Il piano di crescita: i Balcani occidentali incontrano l’UE

La Commissione europea ha presentato l’ambizioso pacchetto di investimenti nell’ottobre 2023. Si tratta di un importo totale di 6 miliardi di euro, di cui 2 miliardi di euro in sovvenzioni e 4 miliardi di euro in prestiti, volti a promuovere lo sviluppo nei sei paesi dei Balcani occidentali. La nuova fase del mercato regionale comune  sarà accompagnata da chiari obiettivi strategici focalizzati principalmente sulla valorizzazione del capitale umano in settori quali: istruzione, innovazione, digitalizzazione, mobilità , migrazione, fuga dei cervelli, emancipazione economica delle donne e agenda verde. Ospitato dal primo ministro della Macedonia del Nord Dimitar Kovacevski, l’incontro di leadership dedicato al piano di crescita per i Balcani occidentali ha riunito leader della regione, rappresentanti di alto rango dell’UE, funzionari degli Stati Uniti e partner finanziari internazionali. Tra i leader presenti all’incontro c’erano il presidente della Serbia Aleksandar Vucic, il primo ministro dell’Albania Edi Rama, il primo ministro del Kosovo Albin Kurti e il primo ministro del Montenegro Milojko Spajic. A loro si sono uniti Gert Jan Koopman, direttore generale per i negoziati di vicinato e allargamento presso la Commissione europea, Marko Makovec, vicedirettore generale per i Balcani occidentali presso il Servizio europeo per l’azione esterna (EEAC), e il sottosegretario di Stato americano per i negoziati europei ed eurasiatici, James O’Brien. Inoltre, hanno partecipato all’incontro rappresentanti di altre organizzazioni partner: Commissione Europea, Stati Uniti, CEFTA, WB Chamber Investment Forum, Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo, Banca Europea per gli Investimenti, Banca Mondiale, USAID, Open Society Foundation e Atlantic Council.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.