Principale Attualità & Cronaca Violenza Il Ministro Valditara riecheggia le parole del papà di Giulia

Il Ministro Valditara riecheggia le parole del papà di Giulia

Gino Cecchettin

Il Ministro Valditara riecheggia le parole del papà di Giulia

di Evelyn Zappimbulso

Con una lettera inviata a tutte le scuole, il Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara, invita i Dirigenti scolastici alla riflessione sulle parole dolorose e profonde pronunciate da Gino Cecchettin durante i funerali della figlia ventiduenne Giulia, uccisa dall’ex fidanzato Filippo Turetta.

Questa la lettera.

Gentile Dirigente scolastico,
intendo portare all’attenzione di tutte le istituzioni scolastiche il discorso
pronunciato ieri 5 dicembre da Gino Cecchettin al termine delle esequie per la
figlia Giulia, vittima di femminicidio.
Il discorso di Gino Cecchettin esprime sentimenti di dolore, speranza e amore,
ma risuona anche come un’esemplare lezione di educazione civica rivolta al
Paese. Inoltre, sottolinea ilruolo fondamentale e la responsabilità educativa
della Scuola, chiamata anch’ essa a investire in programmi formativi che
insegnino ilrispetto reciproco.
Pertanto, le istituzioni scolastiche partendo dalle parole di Gino Cecchettin
potranno organizzare, nella loro autonomia, momenti di riflessione e di
approfondimento sul significato del discorso e sull’ affermazione della cultura
del rispetto.

Una proposta che ha avuto subito parere positivo, perché quando le parole vengono dal cuore e sono cariche di significato, oltre che per sé, anche per gli altri, è difficile ignorarle o farle cadere nel dimenticatoio.

E così il ministro Valditara, dopo aver ascoltato la lettera di Gino Cecchettin ai funerali della figlia Giulia, non ha potuto far altro che dare il via libera all’invio delle parole dell’uomo alle scuole italiane, con l’obiettivo di portare i docenti a discuterne con gli studenti.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania 

Corriere Nazionale

Stampa Parlamento

LASCIA UNA RISPOSTA

Collegato come Evelyn Zappimbulso. Disconnettersi?

Inserisci il tuo commento, grazie!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.