Principale Arte, Cultura & Società Musica, Eventi & Spettacoli Once Upon a Time al Castello Aragonese

Once Upon a Time al Castello Aragonese

Castel Sant’Angelo, più noto come Castello Aragonese, è uno dei monumenti più rappresentativi di Taranto.

Giovedì 7 Dicembre, nell’ambito del Progetto Quadri Sonori, diventa melodia, grazie all’opera del Maestro Giovanni Sollima.

Dal giorno della Vigilia dell’Immacolata, è possibile scoprire OUAT, acronimo di Once Upon a Time.

“Del Castello di Taranto – ha spiegato il Maestro Sollima – oltre alla pianta quadrangolare, al ritrovarsi “protetto” in una vera e propria isola, mi ha colpito da subito la vita intorno e il rapporto che gli abitanti hanno instaurato con esso. Ho pensato alla pianta del castello per tracciare un tema i cui rapporti metrici potessero sviluppare una sorta di continua risonanza o riverbero, un’esile melodia dal sapore arcaico, che va gradatamente espandendosi, fino a generare un groove ritmico affidato alle percussioni.»

 

Cosa è il progetto Quadri Sonori e come funziona

Quadri sonori è un progetto pensato per far conoscere il patrimonio artistico, culturale e naturalistico della città di Taranto attraverso la musica.

È possibile vivere l’esperienza dei Quadri Sonori indossando gli auricolari e inquadrando con lo smartphone il QR code sul leggio che si trova all’interno dei luoghi del percorso musico-architettonico, con le spiegazione dell’opera.

Quadri Sonori è un progetto de Le Corti Di Taras e dell’Orchestra della Magna Grecia, da un’idea del Maestro Piero Romano, in collaborazione con il Comando Interregionale Marittimo Sud e il Comune di Taranto.

Il progetto gode del Patrocinio della Regione Puglia e del Ministero della Cultura.

Taranto, con la sua storia e con la bellezza delle sue architetture, continua a ispirare grandi Maestri, che stanno contribuendo a creare un progetto unico nel suo genere.

Quello del Maestro Sollima è il quarto quadro sonoro, dopo quello di Remo Anzovino per la Concattedrale Gran Madre di Dio, quello di Jhon Rutter per la Cattedrale di San Cataldo, quello di Dario Marianelli e Achille Lauro per il MArTa, Museo Archeologico Nazionale di Taranto.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.