Principale Estero Georgia: la Corte Costituzionale approva il processo di impeachment presidenziale

Georgia: la Corte Costituzionale approva il processo di impeachment presidenziale

La Corte costituzionale della Georgia ha autorizzato l’apertura di una procedura di impeachment contro il presidente filo-occidentale Salome Zourabichvili per le recenti visite nell’UE condotte senza l’approvazione del governo. “La Corte costituzionale ha concluso che la presidente Salome Zourabichvili ha violato la Costituzione esercitando autorità rappresentativa nelle relazioni estere durante le sue visite di lavoro all’estero il 31 agosto, 1 settembre e 6 settembre 2023, senza il consenso del governo georgiano. La presidente ha tenuto riunioni a Berlino e Bruxelles apparentemente contro la volontà del governo, come riportato dall’agenzia di stampa locale  circa un mese fa, quando il partito Dream aveva dichiarato per la prima volta di voler mettere sotto accusa il presidente. Il presidente georgiano ha incontrato il suo omologo tedesco, Frank-Walter Steinmeier a Berlino e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel a Bruxelles alla fine di agosto per raccogliere sostegno alla campagna della Georgia per ottenere lo status di candidato all’UE.

Georgia: la Corte Costituzionale approva il processo di impeachment presidenziale

Nel primo discorso televisivo dopo la decisione del tribunale, la presidente ha dichiarato di non avere intenzione di dimettersi e ha manifestato l’intenzione di presenziare alle udienze parlamentari, sottolineando che si occuperà lei stessa dei “piccoli uomini”. “Un paese in cui non esiste equilibrio tra i rami non può essere considerato un paese democratico“, ha affermato, invitando l’opposizione a opporsi all’impeachment. Salome Zurabishvili è stata eletta con sostanziale sostegno da parte del partito al potere Georgian Dream, compreso il suo fondatore, il miliardario Bidzina Ivanishvili. Tuttavia, lei e il Sogno georgiano si separarono dopo l’invasione russa dell’Ucraina, con Zurabishvili che adottò posizioni fermamente filo-occidentali, mentre il partito Sogno georgiano iniziò a promuovere relazioni più strette con la Russia. Zurabishvili è l’ultimo presidente eletto della Georgia e il suo mandato scade alla fine del prossimo anno. Se verrà messa sotto accusa, il suo successore sarà scelto da un collegio elettorale composto da 300 membri.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.