Principale Estero Yellen in Zambia per discutere dell’eccessivo indebitamento con la Cina

Yellen in Zambia per discutere dell’eccessivo indebitamento con la Cina

Yellen

Il segretario al Tesoro americano Janet Yellen è in Zambia, poiché gli Stati Uniti mirano a rafforzare i legami con un continente che è stato per anni al centro del commercio e degli investimenti cinesi. Yellen incontrerà i funzionari del governo e del settore privato per discutere di energia, sicurezza alimentare, problemi di debito e investimenti infrastrutturali.

Yellen in Zambia per discutere dell’indebitamento cinese?

La visita di Yellen ha lo scopo di approfondire i legami di lunga data degli Stati Uniti con le nazioni africane e offrire investimenti sostenibili e di alta qualità che non appesantiscano i paesi beneficiari con oneri del debito insostenibili. La Yellen ha criticato Pechino – ora il più grande creditore del mondo – per non essersi mossa rapidamente per ristrutturare il debito dei Paesi poveri in Africa. Il commercio cinese con l’Africa è circa quattro volte quello degli Stati Uniti, e Pechino è diventata un importante creditore offrendo prestiti più economici – spesso con condizioni opache e requisiti di garanzia – rispetto ai prestatori occidentali. Ma alcuni Paesi africani, incluso lo Zambia, si sono indebitati con i prestiti cinesi e sono alla ricerca di alternative. Pertanto Washington intende offrire ai leader africani scelte più sostenibili rispetto alla Cina. Lo sviluppo dell’Africa sarà un motore chiave della crescita globale nei prossimi decenni, e ciò significa posti di lavoro e opportunità per una classe media in crescita e nuovi mercati e clienti per le aziende americane. Il FMI prevede che le economie dell’Africa sub-sahariana cresceranno del 3,7% nel 2023, superando le stime globali del 2,7%. L’anno scorso le Nazioni Unite hanno stimato che la popolazione in molti paesi dell’Africa sub-sahariana raddoppierà tra il 2022 e il 2050.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.