Principale Economia & Finanza BCE: pronta ad alzare i tassi dello 0,5% a febbraio e marzo

BCE: pronta ad alzare i tassi dello 0,5% a febbraio e marzo

BCE

Ci sono molti dati da digerire, ma la mossa più grande è arrivata quando la Banca centrale europea ha iniziato a prendere in considerazione un aumento dei tassi di interesse dello 0,5% sia a febbraio che a Marzo. “Aspettatevi che aumentiamo i tassi dello 0,5% a febbraio e 0,25 a marzo e aspettatevi che non avremo finito per allora e che seguiranno ulteriori misure a maggio e giugno“, è quanto affermato da Klaas Knot, membro del consiglio direttivo della BCE. “A dicembre abbiamo fatto un passo indietro da 75 a 50 punti base, che sarà il ritmo per un numero multiplo di riunioni”, ha detto a La Stampa in un’intervista. Pertanto gli operatori di mercato si aspettano che la BCE alzi i tassi nella prossima riunione di febbraio. La domanda più ampia è se la banca centrale diventa troppo aggressiva con la sua politica di inasprimento limitando la crescita economica.

BCE PRONTA AD ALZARE I TASSI DI INTERESSE?

La prospettiva di aumenti dei tassi più lenti si è aggiunta alle speranze che l’eurozona possa evitare una recessione. Tuttavia il proseguimento della politica di inasprimento della BCE, è dovuta all’inflazione che è ancora in aumento. Un inasprimento quantitativo, che dovrebbe iniziare a marzo, “un impatto limitato che ci consentirebbe di aumentare gradualmente i 15 miliardi di euro (16,3 miliardi di dollari) fino a 26 miliardi di euro”, afferma Knot. Pertanto, ciò implicherebbe un arresto completo del reinvestimento per il programma di acquisto di attività della BCE. “Quello che abbiamo visto finora sono dati che non sono incoraggianti dalla nostra parte”, ha detto al World Economic Forum di Davos. “Abbiamo visto un’altra lettura dell’inflazione in cui non ci sono stati segni di riduzione delle  pressioni inflazionistiche”. Anche la Fed statunitense sembra destinata a sostenere la sua campagna di inasprimento, dopo che i rapporti, hanno mostrato che le vendite al dettaglio, i prezzi alla produzione e la produzione negli stabilimenti statunitensi sono diminuiti più del previsto a dicembre.

Leggi anche: Davos 2023: recessione globale a lungo termine

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.