Principale Economia & Finanza La de-dollarizzazione dell’industria petrolifera globale marcia al ritmo di tamburo

La de-dollarizzazione dell’industria petrolifera globale marcia al ritmo di tamburo

de-dollarizzazione

La de-dollarizzazione dell’industria petrolifera globale è in pieno svolgimento. Tuttavia cose di questa portata non accadono rapidamente, ma con determinazione e gradualmente, pur non rientrando esattamente nei titoli dei media di oggi che considerano solo sviluppi istantanei. Ma sta accadendo e la marea non cambierà in base agli sviluppi geopolitici attuali e a breve e medio termine – secondo un’analisi del dipartimento di Ricerca di Credit Suisse. Circa il 40% delle riserve accertate di petrolio appartenenti ai membri dell’OPEC+ è di proprietà di Russia, Iran e Venezuela, che vendono tutti alla Cina con forti sconti e sono tutti d’accordo con il piano petro-yuan di Pechino. I Paesi del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC), in particolare l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, rappresentano un altro 40% delle riserve petrolifere accertate e si stanno avvicinando sempre più alla Cina. Mentre il restante 20% è accessibile anche a Pechino e la Cina è già il più grande importatore di greggio al mondo. Tutto ciò significa che la de-dollarizzazione sta marciando al ritmo di un tamburo abbastanza costante.

La de-dolarizzazione è possibile?

All’inizio di dicembre, il presidente cinese Xi Jinping si è impegnato a intensificare gli sforzi per promuovere l’uso dello yuan negli accordi energetici, suggerendo in un vertice nella capitale saudita che i paesi del GCC dovrebbero fare pieno uso della Shanghai Petroleum e Natural Gas Exchange per effettuare i suoi accordi commerciali in yuan. L’anno da cui siamo appena usciti dovrebbe essere considerato l’anno in cui il petro-yuan ha davvero preso piede, mentre la Cina forgia un percorso di acquisti sempre più di petrolio e gas da luoghi petro-yuan friendly. La guerra della Russia contro l’Ucraina e la risposta delle sanzioni occidentali hanno agito solo da ulteriore catalizzatore. La Cina vuole riscrivere le regole del mercato globale dell’energia, e lo farà togliendo prima il dollaro dall’orbita dei Paesi Bric (Brasile, Russia, India, Cina) che sono state colpite dall’ “armamento” delle riserve di valuta estera in dollari intesa a punire la Russia e impedire a Putin di riempire le sue casse in tempo di guerra. Tutto ciò è un’opportunità per Pechino, che ha promesso ai Paesi del Golfo di importare greggio, e gas naturale, in grandi quantità, dietro pagamento in yuan. Difatti il viaggio di Xi in Arabia Saudita all’inizio di dicembre riguardava proprio lo yuan. Cina e Arabia Saudita hanno firmato accordi commerciali per oltre 30 miliardi di dollari durante la visita. Sono 30 miliardi di dollari di leva finanziaria che aiuteranno solo a promuovere ulteriormente il piano petro-yuan. Tuttavia ciò su cui i Paesi occidentali puntano – letteralmente – è il fatto che la sola Cina ha 1 miliardo di dollari in buoni del Tesoro USA . E per quanto riguarda i sauditi, sono veramente legati al sistema finanziario occidentale e al petrodollaro. Sganciare il riyal dal dollaro, anche se, se ne è discusso    sarebbe uno shock piuttosto drammatico per il Regno. Uno shock che il principe ereditario probabilmente non sarebbe disposto a rischiare molto a lungo. Ma l’obiettivo cinese è molto più paziente di quanto si possa immaginare. Si tratta di intaccare lentamente il trono del dollaro nei mercati petroliferi e delle materie prime, e come valuta di riserva preferita. Questo è ciò che riguarda Brics e la Shanghai Cooperation Organization (SCO). E con ogni sconvolgimento geopolitico a livello di Russia-Ucraina, e con ogni inasprimento delle sanzioni da parte dell’Occidente, Pechino va un po’ oltre con i suoi obiettivi di petro-yuan. Quindi, non ci sarà alcun annuncio. Non ci sarà alcun rumore forte. Accadrà gradualmente. Accadrà molto lentamente. E l’Occidente farà fatica a trovare la sua base quando un nuovo ordine energetico globale emergerà nel prossimo futuro.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.