Principale Arte, Cultura & Società Università, Formazione & Scuola Arriva turbolettura, l’app innovativa che combatte la dislessia

Arriva turbolettura, l’app innovativa che combatte la dislessia

Il Comune ne consentirà l’utilizzo gratuito ai giovanissimi studenti dei tre istituti comprensivi

Un’app per combattere la dislessia e migliorare la capacità di lettura. Si chiama Turbo Lettura e molto presto sarà utilizzata dai giovanissimi studenti dei tre istituti comprensivi della città con questo specifico disturbo dell’apprendimento, che notoriamente emerge all’inizio della scolarizzazione e incide sulla capacità di leggere e talvolta pure di scrivere in modo fluente e corretto. L’amministrazione comunale ha acquistato il software dell’app e ne consentirà l’utilizzo gratuito agli interessati. L’applicazione, molto innovativa, è frutto del lavoro della startup One Health Vision, che opera nell’ambito della digital health, del telemonitoraggio e della cybersecurity e che è la “costola” digitale di Istituto Santa Chiara, presidio di riabilitazione funzionale, poliambulatorio specialistico, centro di diagnostica per immagini ad alta tecnologia e gestore di due scuole di specializzazione in Psicoterapia (Roma e Lecce) con sette sedi sul territorio italiano. La supervisione del progetto è di Giacomo Stella, psicologo e psicolinguista, uno dei massimi esperti nazionali e internazionali nell’ambito dei disturbi dell’apprendimento, e di Vincenzo Ciccarese, psicologo e psicoterapeuta, co-fondatore di Istituto Santa Chiara, fondatore e amministratore di One Health Vision e direttore delle scuole di specializzazione di Istituto Santa Chiara.

“Crediamo molto nei vantaggi di quest’app estremamente innovativa – spiega l’assessora alla Cultura e alla Istruzione Giulia Pugliaperché ci consentirà di fornire alle famiglie e alle scuole uno strumento che porta a casa il lavoro sulla dislessia e che trasforma gli esercizi della riabilitazione, spesso ripetitivi e noiosi, in gioco e divertimento. L’applicazione è frutto di un lavoro sul campo molto profondo e qualificato e, per questo, assolutamente affidabile. Sarà un percorso graduale, ma cercheremo sin da subito di sensibilizzare al massimo e formare all’utilizzo di TurboLettura i docenti e i genitori dei bambini con questo disturbo dell’apprendimento”.

TurboLettura è un’applicazione per smartphone e tablet rivolta a bambini e bambine con dislessia, con un sospetto diagnostico di dislessia, con un processo di lettura da consolidare e per i quali si intenda potenziare l’accesso alla via lessicale. Nasce con l’obiettivo di catturare la loro attenzione e il loro interesse attraverso un gioco dinamico in 3D, ambientato in un mondo fantastico, che vede protagonisti tre animaletti impegnati a gareggiare in una divertente corsa alla conquista di premi. Il bambino potrà immedesimarsi nell’animaletto e correre per sbaragliare i suoi rivali in lettura: vince chi riesce a leggere correttamente e il più rapidamente possibile. Più il bambino diventa bravo a leggere più il gioco si anima arricchendosi di feedback e gratificazioni. Il sistema di premi e ricompense completa dunque il processo formativo, motivando il bambino all’esercizio costante e sistematico per il tempo utile ad acquisire l’automatizzazione del processo di lettura, favorendo l’autonomia e autocontrollo.

La portata innovativa di TurboLettura sta soprattutto nel riconoscimento vocale, tecnologia cardine ed esclusiva in base alla quale il bambino potrà leggere, essere autonomo e diventare protagonista attivo nel trattamento. TurboLettura ascolta la pronuncia al millesimo di secondo e restituisce subito un feedback in caso di errore. È l’unica applicazione, al momento, a possedere questa tecnologia frutto dell’impiego dell’Intelligenza Artificiale. Il processo di riconoscimento delle parole lette ad alta voce, riserva molti vantaggi: il soggetto durante le esercitazioni non avrà bisogno di un genitore o un caregiver vicino che legga con lui al fine di evidenziare gli errori di lettura; potrà farlo autonomamente perché sarà guidato dal riconoscimento vocale; presterà più attenzione alla parola presentata e alla sua pronuncia, al fine di ottenere un feedback positivo dall’applicazione.

I percorsi di apprendimento di ogni singolo bambino saranno concordati con i docenti e, se il bambino è seguito da un terapista, l’app invierà automaticamente una mail all’operatore sanitario ogni settimana, indicando il numero delle esercitazioni svolte, la frequenza minima e massima raggiunta, la media del numero di parole lette e del numero di errori commessi e tutti dati di ogni singola esercitazione svolta. In questo modo il terapista sarà sempre aggiornato sull’andamento del trattamento e potrà verificare i progressi raggiunti. In prospettiva dell’utilizzo concreto sarà organizzata una giornata di formazione con esperti dell’app, docenti e fruitori.

foto istitutosantachiara.it/

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.