Principale Estero L’Onu estromette l’Iran dal panel per i diritti delle donne

L’Onu estromette l’Iran dal panel per i diritti delle donne

ONU

Con un voto senza precedenti, le potenze mondiali presso la sede delle Nazioni Unite a New York hanno votato mercoledì a favore dell’eliminazione dell’Iran dall’organismo incaricato di proteggere e conferire potere alle donne. ll Consiglio economico e sociale ONU ha quindi estromesso immediatamente l’Iran dal principale organismo globale che si batte per l’uguaglianza di genere a causa della sua sistematica violazione dei diritti delle donne e delle ragazze. Una decisione che gli Stati Uniti hanno salutato come “storica” ​​e che l’Iran ha affermato fosse basata su “accuse inventate”. 

ONU: Iran estromesso dalla commissione sulla condizione delle donne

La risoluzione sponsorizzata dagli Stati Uniti è stata innescata dalla brutale repressione in corso da parte dell’Iran nei confronti di manifestanti pacifici scesi in piazza a settembre dopo la morte di una donna di 22 anni presa in custodia dalla polizia morale. Almeno 488 persone sono state uccise dall’inizio delle manifestazioni, secondo Human Rights Activists in Iran, il gruppo che ha monitorato le proteste.  Mentre altre 18.200 persone sono state arrestate dalle autorità. Il voto nel consiglio di 54 membri noto come ECOSOC per rimuovere l’Iran dalla Commissione sullo status delle donne per il resto del suo mandato 2022-2026 è stato di 29 stati che hanno votato a favore della risoluzione, mentre otto erano contrari, tra cui Cina, Nigeria, Oman, Russia. Lunedì, l’Iran e altri 18 Paesi tra cui, Algeria, Siria e Palestina, Cina, Russia hanno inviato una lettera all’Ecosoc esortando i membri a votare contro la bozza di risoluzione degli Stati Uniti per evitare “l’instaurazione di un pericoloso precedente che potrebbe diventare la nuova tendenza all’espulsione dei sovrani e stati giustamente eletti da qualsiasi organo del sistema internazionale”. Tuttavia sedici paesi si sono astenuti. Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha affermato che il voto mostra un crescente consenso tra gli USA e i suoi alleati e partner in tutto il mondo sul fatto che l’Iran debba essere ritenuto responsabile di “atrocità”. Come le recenti “orribili esecuzioni” di manifestanti a Teheran. Gli sforzi guidati dagli Stati Uniti sono arrivati ​​mentre le manifestazioni, inizialmente scatenate dalla rabbia per le restrizioni imposte dall’Iran alle donne, ora chiedono la caduta del regime che governa il Paese dal 1979. Due persone sono già state giustiziate dopo aver partecipato alle proteste, con entrambi i casi che hanno suscitato clamore in patria e all’estero. Prima della rivoluzione islamica del 1979, molte donne iraniane indossavano abiti in stile occidentale, ma tutto è cambiato quando il defunto Ayatollah Khomeini è salito al potere. Il regime imponeva alle donne e alle ragazze di età superiore ai nove anni di vestirsi in modo modesto e di coprirsi i capelli in pubblico.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.