Principale Arte, Cultura & Società Scienza & Tecnologia Marketing e innovazione, gli alleati delle nuove imprese 2.0

Marketing e innovazione, gli alleati delle nuove imprese 2.0

Marketing e innovazione, gli alleati delle nuove imprese 2.0

La crisi economica non è ancora finita. Il tempo del Covid 19 sembra finalmente andato, ma adesso a farla da padrone c’è l’incertezza generale che arriva dal fronte ucraino e un conseguente innalzamento dei costi energetici. Piccole e medie imprese, negozi di quartiere, grandi catene oppure brand nazionali devono saper barcamenarsi in un mare in burrasca. Per farlo nella maniera migliore arrivano due grandi alleati: l’innovazione e il marketing.

Due settori diversi che hanno però uno stesso comune denominatore: il web. Per fronteggiare la crisi, infatti, è bene sfruttare la Rete, sapersi porre e proporre online. Bisogna in qualche modo seguire la parabola del settore dell’e-commerce, che dal 2020 ad oggi è cresciuto, anche per ovvie ragioni, del 250%. Quali sono allora le strategie da mettere in campo per aumentare le vendite e allargare il proprio pubblico? La prima non può che essere quella che guarda ai social. Con oltre 3 miliardi e mezzo di utenti attivi a livello mondiale queste piattaforme sono diventate una vetrina imperdibile per qualsiasi attività. Saper creare una strategia comunicativa all’altezza, essere in grado di parlare agli utenti, di raccontare il proprio brand, di spiegare perché il proprio servizio è di qualità. Sono questi gli imperativi a cui bisogna dare seguito.

Di pari passo al concetto di social c’è la strategia omnichannel, ovvero multicanale. Oltre ai social bisogna avere un sito internet, bisogna iniziare un’e-mail marketing, occorre inaugurare un negozio online. E proprio in quest’ultimo ambiente si possono mettere in campo diverse strategie: il mondo del gioco pubblico utilizza i bonus, come quelli offerti da William Hill, mentre altre piattaforme propongono sconti, agevolazioni, gratuità varie. In questa maniera l’utente si trasforma in cliente, si aumenta la fidelizzazione e si incamerano nuovi seguaci.

Poi parlavano di e-mail marketing, di comunicazione, di racconto. Fondamentale è saper narrare bene il proprio brand: sui social, nelle email e in qualsiasi informazione bisogna creare contenuti educativi, promozionali, formativi e coinvolgenti. Non servono poemi o testi troppo lunghi per far capire al lettore di scegliere il vostro negozio: serve l’essenzialità. La stessa che bisogna mettere in pratica quando si creano i portali di registrazione o le procedure di acquisto online: pochi campi da compilare, pochi i passaggi da svolgere, pochi click. Altrimenti l’utente scapperà via.

È così insomma che il web aiuta l’economia a rimettersi in moto. È così che marketing e innovazione possono cambiare la storia di un marchio, grande o piccolo che sia.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.