Principale Ambiente & Salute A Lecce delegazioni dai Balcani

A Lecce delegazioni dai Balcani

MW 2.10

L’eccellenza italiana in protezione ambientale e formazione fa scuola 

Soluzioni sostenibili per il contrasto agli incendi e nuovi corsi universitari ad alto contenuto tecnologico: oggi l’incontro della Fondazione CMCC con le delegazioni dal Kosovo e dalla Macedonia del Nord arrivate a Lecce per apprendere progetti di eccellenza da replicare sul loro territorio.

LECCE – Una delegazione dal Kosovo e tre dalla Macedonia del Nord sono arrivate oggi a Lecce per una visita alle installazioni del progetto OFIDIA2 e un incontro di coordinamento tecnico presso la sede della Fondazione CMCC, Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici.

Eccellenza internazionale nel settore dello studio e della formulazione di modelli climatici, la Fondazione CMCC ha realizzato OFIDIA2 (Operational FIre Danger preventIon plAtform 2), valido esempio di progetto integrato che combina l’utilizzo di telecamere, droni e sensori per la previsione, prevenzione e contrasto agli incendi. Applicato in Puglia e in Grecia, il progetto ha ottenuto importanti riconoscimenti dall’Unione Europea nell’ambito di competizioni organizzate per premiare i progetti Interreg più virtuosi.

La visita a Lecce delle delegazioni straniere è la diretta conseguenza della missione di tre giorni in Macedonia che ha coinvolto in ottobre una delegazione della Fondazione guidata dal prof. Giovanni Aloisio, direttore del Centro di Supercalcolo e membro del Comitato Strategico del CMCC. In occasione del Simposio Internazionale su Ambiente e Agricoltura, tenutosi in ottobre a Ohrid in Macedonia, la presenza del CMCC ha avuto un ruolo significativo e un importante riscontro dai media dell’area balcanica.

Il discorso di apertura, davanti a 250 partecipanti provenienti da 22 paesi e da rappresentanti di 16 Università, è stato affidato (in remoto) al prof. Riccardo Valentini, membro del Comitato Strategico del CMCC e professore ordinario presso il Dipartimento per l’Innovazione nei sistemi Biologici, Agroalimentari e Forestali – DIBAF all’Università degli Studi della Tuscia. Il Simposio è stato concluso dalla presentazione del prof. Aloisio sul progetto OFIDIA. La presenza a Ohrid della delegazione guidata dal prof. Aloisio ha permesso la presentazione delle esperienze e delle realizzazioni della Fondazione.

Le delegazioni della Macedonia del Nord arrivate a Lecce sono composte da rappresentanti del Ministero degli Esteri Macedone, della Forestale e del Parco Nazionale di Mavrovo. Il loro interesse è incentrato sulle soluzioni sostenibili per il contrasto agli incendi e l’obiettivo è la realizzazione di OFIDIA sul loro territorio. Un territorio che, negli ultimi 10 anni, ha subito ingenti danni, economici ed ambientali, al patrimonio boschivo.

La delegazione Kosovara, rappresentata dalla Facoltà di Agricoltura dell’Università di Pristina e dal già Vice Ministro dell’Agricoltura e ora responsabile degli Enti Locali, ha un maggiore interesse per la realizzazione di nuovi corsi universitari ad alto contenuto tecnologico, argomenti che tratterà nell’incontro con i professori Valentini e Aloisio.

L’iniziativa in corso, come quella di Ohrid, è stata coordinata dal dott. Alberto Pogorelz, esperto internazionale in sviluppo sostenibile e consulente di ministeri stranieri e organizzazioni internazionali.

Tutte le attività sono avvenute nel quadro di collaborazione fra CMCC e DRONEBASE (sostenitrice delle iniziative), società riminese leader nel settore dei droni e di piattaforme integrate attualmente indirizzata ad una presenza stabile nei Balcani.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.