Principale Arte, Cultura & Società Musica, Eventi & Spettacoli Impianti sportivi. Oggi a Taranto la conferenza sul partenariato pubblico-privato

Impianti sportivi. Oggi a Taranto la conferenza sul partenariato pubblico-privato

Impianti sportivi, oggi a Taranto la conferenza sul partenariato pubblico-privato con Abodi e Malagò.

Sono stati il progetto di riqualificazione dello stadio Iacovone di Taranto e del nuovo PalaEventi di Brindisi i focus pugliesi della conferenza “II Project financing nello sport”, in programma oggi 15 novembre nel capoluogo ionico, curata dal Comitato organizzatore dei XX Giochi del Mediterraneo – Taranto 2026, con l’intervento del ministro per lo Sport Andrea Abodi e del presidente del Coni Giovanni Malagò.

I due impianti, in vista del XX Giochi del Mediterraneo – Taranto 2026, rappresentano modelli applicativi della formula innovativa del partenariato pubblico-privato, di cui saranno presentate altre interessanti applicazioni a livello nazionale e internazionale. Nell’occasione saranno illustrate procedure e modalità operative utili agli enti pubblici per realizzare grandi impianti sportivi integrati con interventi di rigenerazione urbana.

L’incontro si è svolto dalle ore 9.30 alle 13 nella sala del Circolo Ufficiali della Marina Militare; ad aprire i lavori il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il sindaco di Taranto e presidente del Comitato organizzatore Taranto 2026, Rinaldo Melucci, l’assessore regionale allo Sport Raffaele Piemontese e l’onorevole Ubaldo Pagano.
Tra i vari interventi, moderati dal direttore del Comitato Taranto 2026 Elio Sannicandro, anche quelli dell’architetto Geraint John, esperto nell’impiantistica sportiva di fama internazionale; del responsabile Settore Sviluppo dell’Istituto per il Credito Sportivo, Alessandro Bolis e del sindaco di Brindisi Riccardo Rossi.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania 

Corriere Nazionale

Stampa Parlamento

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.