Principale Arte, Cultura & Società Scienza & Tecnologia Fuga da twitter verso Mastodon

Fuga da twitter verso Mastodon

Fuga da Twitter

Poco più di una settimana dopo che Elon Musk ha chiuso la sua acquisizione di Twitter da 44 miliardi di dollari, la piattaforma di social media sembra essere nel caos. Da venerdì quando è iniziata un’ondata di massicci licenziamenti e un numero crescente di inserzionisti ha segnalato che sospenderà l’attività con l’azienda. Difatti, poco dopo che Elon Musk ha rilevato Twitter, il numero di persone che si iscrivono al minuscolo social network Mastodon è aumentato in modo significativo. Il social network che esiste dal 2016, ora sta crescendo rapidamente. Con l’acquisto di Twitter da parte di Elon Musk arrivano diversi potenziali cambiamenti alla piattaforma dei social media. Tra cui un addebito per la verifica, (spunta blu) video di paywalling e metà dell’azienda viene licenziata con poco preavviso. Pertanto, gli utenti hanno lasciato la piattaforma in massa, migrando verso il social network decentralizzato “Mastodon”.

Cos’è Mastodon?

Il formato di Mastodon è notevolmente simile a Twitter e ad altre piattaforme di social network, poiché gli utenti sono in grado di creare e condividere post, nonché di “seguire” gli altri attraverso il servizio.  C’è qualche variazione nel gergo della piattaforma, come lo scambio di “tweet” con “toots”, ma i due servizi condividono un modus operandi molto simile. Ciò che distingue Mastodon, e il motivo per cui gli utenti stanno migrando su di esso, è la sua proprietà. Mastodon è un software gratuito e open source per servizi di social networking self-hosted. Offre funzionalità di microblogging simili a twitter con un limite di 500 caratteri sui post che appaiono in un feed in tempo reale. Mastodon afferma sul suo sito Web che la sequenza temporale mostra i post in ordine cronologico senza “nessun algoritmo o pubblicità per perdere tempo”, il che sembra un colpo al feed algoritmico molto diffamato di Twitter. Mastodon è decentralizzato, il che significa che non esiste un’unica entità aziendale che possiede e gestisce il servizio. Ogni “istanza” di Mastodon è gestita dal creatore del server su cui gira, con le sue regole dettate anche da ciascun creatore. Gli utenti sono ancora in grado di interagire tra i server, ma possono unirsi e lasciare le istanze a loro piacimento. Questa flessibilità consente ai proprietari di server di rispondere alle esigenze dei propri utenti, secondo il sito Web ufficiale di Mastodon . Puoi “unirti a un server con le regole con cui sei d’accordo o ospitare le tue”. Un post su Twitter di Mastodon afferma che oltre 230.000 utenti si sono trasferiti a Mastodon nell’ultima settimana, con un totale di 650.000 utenti.  

Le celebrità si stanno disconnettendo

Diverse celebrità hanno annunciato che si disconnetteranno da Twitter fintanto che Elon Musk sarà in carica. Elon Musk, che si è definito “difensore della libertà di parola “, ha promesso di apportare modifiche sostanziali alla piattaforma e alcune persone non vogliono farne parte. Tra le novità Musk ha suggerito di sollevare potenzialmente l’ex presidente Donald Trump dal divieto di Twitter e addebitare agli utenti la verifica degli account “spunta blu”. Anche alcuni dei massimi dirigenti di Twitter stanno abbandonando la piattaforma. Almeno cinque della società se ne sono andati.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.