Principale Politica Governo: “Guardian”, l’uscita di scena di Draghi “cattiva notizia” per l’Italia e...

Governo: “Guardian”, l’uscita di scena di Draghi “cattiva notizia” per l’Italia e l’Europa

Foto Filippo Attili/Palazzo Chigi/LaPresse 27-08-2021 - Amatrice, Italia PoliticaIl Presidente del Consiglio Mario Draghi incontra a Palazzo Chigi il Ministro degli Affari Esteri della Federazione Russa, Sergey LavrovDISTRIBUTION FREE OF CHARGE - NOT FOR SALE - Obbligatorio citare la fonte LaPresse/Palazzo Chigi/Filippo Attili

Da quasi un anno e mezzo la politica italiana e’ stata caratterizzata da un grado di stabilita’ e consenso del tutto insolito, per questo motivo l’uscita di scena Mario Draghi sarebbe una “cattiva notizia” per l’Italia e l’Europa.

E’ quanto si legge in un editoriale del quotidiano britannico “Guardian”, secondo cui durante il mandato di Draghi alla presidenza del Consiglio l’Italia si e’ lasciata alle spalle la fase peggiore della pandemia e ha iniziato a ricevere un’importante tranche dei fondi del Next Generation Eu. “Gran parte del merito di questo e’ giustamente dell’ex governatore della Banca centrale europea, che e’ stato paracadutato nel ruolo di primo ministro per riportare l’ordine nel caos”, scrive il “Guardian”.

“Draghi ha presieduto con competenza un governo di unita’ nazionale ad ampio raggio creato per far fronte a un’emergenza; ma sebbene non sia il primo economista non eletto a guidare il Paese, l’Italia e’ una democrazia, non una tecnocrazia” e per questo motivo si stava iniziando a guardare la scadenza delle elezioni previste la prossima primavera.

Lo strappo imposto dal Movimento 5 stelle (M5s) che ha deciso la scorsa settimana di non votare la fiducia al Decreto Aiuti ha portato alle dimissioni di Draghi, respinte per ora dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

La giornata decisiva sara’ quella di domani, quando il premier si presentera’ alle Camere per il voto di fiducia, ma l’esito della crisi dipendera’ dai negoziati in corso fra le forze politiche che hanno composto il governo di unita’ nazionale guidato da Draghi. In un contesto internazionale segnato dagli effetti della guerra in Ucraina, l’inflazione, la necessita’ di accaparrarsi nuove fonti energetiche e portare avanti i progetti del Pnrr – prosegue il “Guardian” -, Draghi rappresenta un paio di mani sicure e la sua elevata reputazione a Bruxelles e presso i mercati obbligazionari costituisce una risorsa significativa per l’Italia.

Mentre il Regno Unito e’ soggetto a turbolenze interne e il presidente francese Emmanuel Macron lotta per imporre la sua volonta’ politica, l’influenza stabile di Draghi sulla scena europea e’ necessaria anche in un periodo in cui l’unita’ sull’Ucraina sara’ messa a dura prova.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.