Principale Estero La fuga degli yacht di Abramovich dalle sanzioni europee

La fuga degli yacht di Abramovich dalle sanzioni europee

‘Eclipse’, del valore di 1 miliardo di dollari, e ‘My Solaris’, valutato 780 milioni, si sono spostati con grande attenzione evitando porti e percorsi che avrebbero comportato l’applicazione di misure imposte dai paesi contro Mosca e gli oligarchi.

di Titti Giammetta

Eclipse, yacht dell’oligarca russo Roman Abramovich

AGI – Il magnate russo Roman Abramovich è stato costretto nuovamente a spostare i suoi due mega yacht nei porti del Sud della Turchia, in una continuo gioco del gatto e del topo per evitare le sanzioni con cui i Paesi occidentali hanno colpito la Russia e di conseguenza i capitali dell’ex patron del Chelsea in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Tuttavia il fatto che My Solaris fosse rimasto nel ‘Cruise Port’ di Bodrum, nota località marittima turca ha attirato le attenzioni di avvocati inglesi, che hanno notato che il ‘Cruise Port’ è quotato nel mercato azionario londinese. Notizia subito trapelata sui media inglesi, su cui si è fatta avanti l’ipotesi di una violazione delle sanzioni da parte della Gran Bretagna.

Una situazione che ha spinto il magnate russo a muovere ancora i suoi due yacht, che hanno lasciato i porti in cui erano ancorati da marzo e hanno fatto rotta vero la località di Gocek, rimanendo ancorati al largo.

Per Eclipse si attende il via libera da parte del porto locale, di proprietà della STFA, una compagnia turca, mentre My Solaris è fermo al largo delle acque di Bodrum, nella marina di Yalikavak. Tuttavia la storia potrebbe ripetersi nei prossimi mesi, considerando che, in base a quanto riportato dai media turchi, gli yacht saranno costretti a lasciare l’area tra tre mesi, con l’arrivo dell’autunno.

Secondo il sito ‘Lloyd’s Intelligence List’ lo yacht My Solaris intestato al patron del Chelsea, 140 metri, avrebbe abbandonato il porto di Barcellona l’8 marzo scorso, si trovava al largo della Sicilia due giorni dopo, quando sono entrate in vigore le sanzioni della Gran Bretagna, per poi attraccare il 12 marzo a Tivat, in Montenegro e da là prendere il largo verso il porto di Bodrum, nel sud della Turchia.Lo yacht ha seguito una rotta che senza mai entrare in acque greche, gli ha permesso di evitare le sanzioni europee, scattate il 15 del mese.

L’altro yacht, Eclipse, di 140 metri con due piste per atterraggio elicotteri e un minisottomarino annesso, è partito dalle Antille il 3 marzo per poi giungere in Turchia, nel porto di Marmaris, il 22 del mese, anche in questo caso attraverso un percorso che gli ha permesso di evitare le sanzioni.

La decisione del governo turco del presidente Recep Tayyip Erdogan di non applicare sanzioni economiche nei confronti della Russia e lasciare aperto lo spazio aereo ha reso la Turchia una delle poche mete a disposizione dei russi che hanno deciso di lasciare il Paese.

Tra questi, circa 20 mila da quando è iniziato il conflitto in Ucraina, vi sono dissidenti, giornalisti, accademici, ma anche oligarchi tradizionalmente vicini al presidente russo Vladimir Putin.

Proprio la vicinanza di Abramovich a Putin ha spinto il presidente ucraino Zelensky a chiedere alla Casa Bianca di bloccare le sanzioni nei confronti dell’oligarca, nella convinzione che si tratti di un personaggio in grado di mediare con il Cremlino.

Lo stesso Abramovich era presente lo scorso 29 marzo a Istanbul, quando le delegazioni di Russia e Ucraina si sono incontrate per portare avanti il negoziato precedentemente iniziato in Bielorussia, senza tuttavia trovare un accordo per un cessate il fuoco.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.