Principale Cronaca A Lampedusa è arrivata una barca con sette migranti morti di freddo

A Lampedusa è arrivata una barca con sette migranti morti di freddo

Lampedusa – Il sindaco Martello: “Qui continuiamo a fare la nostra parte tra mille difficoltà, ma Italia ed Europa ci hanno dimenticato”. La sera prima Alarm Phone aveva lanciato l’Sos. Aperta un’inchiesta.

© VALERIA MONGELLI / HANS LUCAS VIA AFP – Migranti alla deriva nel mar Mediterraneo di fronte alla Libia

AGI – Sono sette le vittime della tragedia dell’immigrazione a Lampedusa. Lo riferisce l’amministrazione comunale.

Nella notte erano arrivate nell’isola circa 280 persone; la maggior parte proverrebbe dal Bangladesh. Nonostante l’intervento in mare delle motovedette, sette migranti, riferiscono fonti del Comune, sono morti, probabilmente per ipotermia.

Il freddo sarebbe infatti la causa del dramma. Potrebbe trattarsi della barca di migranti in difficoltà segnalata la sera prima, intorno alle 20, da Alarm Phone quando era in area Sar di Malta e di cui da un paio d’ore non si avevano più notizie.

Tre cadaveri sono stati trovati sul barcone dagli uomini delle motovedette della Guardia costiera intervenuti sul tratto di mare, gli altri quattro sono morti successivamente durante il rapido trasferimento verso l’isola e nel tentativo di condurli nella struttura ospedaliera delle Pelagie.

“Ancora una tragedia, ancora una volta piangiamo vittime innocenti, ancora tre vittime. Qui – tuona il sindaco Totò Martello – continuiamo a fare la nostra parte tra mille difficoltà, nonostante il governo italiano e l’Europa sembrano avere dimenticato Lampedusa ed i lampedusani. Ma non possiamo andare avanti da soli ancora per molto”. E ancora: “Come è possibile che l’Europa e L’Italia non prendano in considerazione che c’è un problema e che questo deve essere risolto. Come fanno a girarsi dall’altra parte davanti a tanti cadaveri e a tanti morti nel Mediterraneo e di fronte a un’isola che continua a chiedere aiuto e non ottiene nessuna risposta dalle istituzioni…”.

a
La procura apre inchiesta

La procura della Repubblica di Agrigento ha aperto un’inchiesta sullo sbarco di questa notte a Lampedusa con l’approdo di 280 migranti e 7 cadaveri che sarebbero morti per freddo.

Il procuratore Luigi Patronaggio ha aperto un fascicolo per l’ipotesi di reato di “morte come conseguenza di altro reato”.

I migranti, che sarebbero del Bangladesh, sono morti assiderati durante la traversata. Alcune delle persone sbarcate, dopo un primo triage sanitario, sono state portate al Poliambulatorio dell’isola per un principio di ipotermia.

Redazione Corriere Nazionale

Redazione Corriere di Puglia e Lucania

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.