Lunedi 28 senza mascherina? Si, però…

Lunedi 28 senza mascherina? Si, però…

Senza mascherina? Il punto di domanda è lecito anche perché dall’ordinanza del Minambiente si capisce che vi sono tante puntualizzazioni.

La mascherina bisogna portarsela dietro, in tasca? No! Si inquina. Al braccio come lo fanno i ragazzi da sempre, si sporca, si bagna di sudore! Sotto il mento? Forse.

Questo perché il decreto dice di: ” mantenere l ‘obbligo di portare sempre con sé i dispositivi di protezione delle vie aeree”. Quindi?

In sostanza scatta l’obbligo di alzare sul naso la mascherina quando si configurano assembramenti, fai fila alla Posta, mercato, fiere.

Lo stesso vale per il trasporto, aerei, bus, treni. Ma anche battelli, navi. Poi se vai a trovare la nonna in Rsa, o davanti a trapiantati, nelle strutture sanitarie all’aperto.

Insomma se, e con tanti se, il 28 toglieremo le mascherine. Esco di casa senza, ma prima se incontro qualcuno che sale le scale, è troppo ravvicinato e alzo.

Per strada la tolgo, ma se all’angolo c’è un gruppo di persone davanti al Bar, mi ferma un amico, e alzo sul naso il dispositivo, poi se vado via lo tolgo, al bancomat fila, lo rimetto..

Personalmente non sappiamo se questo modo di gestire il dispositivo lo mantenga integro dal punto di vista sanitario, ma sembra l’unico modo di gestire il dopo 28 giugno.

Redazione Corriere Nazionale

Redazione Corriere di Puglia e Lucania

Roberto De Giorgi

Roberto De Giorgi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *