Home Cronaca Taranto – Pensiline degli autobus pulite e linde in città

Taranto – Pensiline degli autobus pulite e linde in città

Prosegue senza soluzione di continuità l’opera di Kyma Mobilità per ripristinare, in tutti i quartieri della città, le pensiline alle fermate degli autobus oggetto di azione vandaliche.

Si va dalle scritte di writer e dall’asportazione delle cornici in alluminio per manifesti e locandine, fino alla rottura dei cristalli che riparano dal vento i passeggeri in attesa dell’autobus.

Come è noto, da oltre un anno Kyma Mobilità è impegnata nella installazione di oltre cento nuove pensiline – il programma è quasi terminato – in linea con gli standard di quelle utilizzate in tutte le più moderne città europee: sono dotate di comode sedute e protezione degli agenti atmosferici, nonché di cestini per la raccolta differenziata dei rifiuti.

«È nostro dovere garantire a tutti i cittadini le condizioni per poter usufruire al meglio dei servizi di Kyma Mobilità – ha commentato il Presidente Giorgia Gira – come avviene in tutte le città del mondo; spiace dover impegnare in questa azione di ripristino risorse – umane ed economiche – che potremmo destinare per migliorare ulteriormente la qualità delle nostre attività, a tutto vantaggio dei tanti passeggeri rispettosi della legalità».

«Le pensiline delle fermate degli autobus – ha poi commentato Paolo Castronovi, Assessore comunale alle Società partecipate – rappresentano un arredo urbano che contribuisce al decoro e all’immagine della nostra città, a vantaggio dei forestieri che vengono a Taranto e dei tanti tarantini che, la stragrande maggioranza, vogliono giustamente vivere in una città funzionale ai loro bisogni. L’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Rinaldo Melucci continuerà il suo impegno contro i pochi vandali che, con azioni criminose, cercano di contrastare inutilmente la rigenerazione urbana avviata da questa Amministrazione comunale, un programma per rendere finalmente Taranto una città moderna e sostenibile».

Articolo precedenteSiamo arrivati a livelli di “scambisti”, non di persone fisiche ma persone politiche
Articolo successivoL’appello di Draghi all’unità contro il virus, “nemico di tutti”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui