A Vibo Valentia applausi al boss della ‘ndrangheta mentre viene portato in carcere

Cronaca

Il gesto è stato condannato dai carabinieri che lo hanno catturato e dal procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri. Rosario Pugliese, noto ‘Saro Cassarola’, era latitante dal dicembre del 2019

di

Stazione carabinieri di Alto Reno Terme (Bologna)

È stato applaudito a lungo  da almeno quaranta familiari mentre stava per essere portato in carcere.  Il latitante Rosario Pugliese ha ricevuto il ‘tributo’ all’uscita del comando provinciale dei carabinieri di Vibo Valentia dopo l’arresto da parte dei  militari dell’Arma  in una villetta nella frazione di Bivona. Il boss, noto come ‘Saro Cassarola’ è accusato di essere il promotore dell’omonimo clan. Era irreperibile dal 19 dicembre 2019 quando era sfuggito alla cattura nel corso della maxi-operazione Rinascita-Scott.

Pugliese è  ritenuto fra i principali imputati della storica operazione. Il blitz dei carabinieri nel suo rifugio ha posto fine alla latitanza. Nessun telefono cellulare è stato trovato dagli investigatori nella villetta, ma solo  duemila euro in contanti. Il latitante non ha opposto resistenza al momento dell’arresto e non ha proferito parola. L’hanno invece a lungo applaudito e incoraggiato i familiari, accorsi dinanzi al comando provinciale di Vibo Valentia per assistere alle fasi del suo trasferimento in auto per essere condotto in carcere.

Gratteri, la latitanza come esternazione del potere mafioso

Per il procuratore antimafia di Catanzaro, Nicola Gratteri si tratta un “fatto grave ma che dimostra quanto la latitanza sia una forma di esternazione del potere mafioso, ulteriore forma di arroganza e dimostrazione della pericolosità, della mafiosità e dell’ardire di queste persone”.

Pugliese avrebbe ‘controllato’ anche il cimitero di Vibo

Rosario Pugliese è accusato dei reati di associazione mafiosa, con l’aggravante di essere il promotore dell’omonimo clan, estorsione, intestazione fittizia di beni ed usura. Diverse le attività economiche controllate in città anche attraverso Orazio Lo Bianco, ritenuto un suo stretto sodale  – arrestato a dicembre dello scorso anno  – specialmente nel settore delle pompe funebri. Pugliese avrebbe controllato negli anni anche una parte del cimitero di Vibo occupandosi pure della sepoltura senza bare dei migranti sbarcati nel porto di Vibo Marina e per questo accusato anche di truffa aggravata dalle finalità mafiose.

“Le attività investigative – ha sottolineato la Dda di Catanzaro nell’operazione Rinascita-Scott – dimostrano che il clan Lo Bianco aveva ottenuto pure il pieno controllo del bar (totalmente abusivo e irregolare) all’interno dello stadio di Vibo Valentia, grazie alla concessione dalla società calcistica”. Fra i gestori, secondo gli inquirenti, proprio Rosario Pugliese e Orazio Lo Bianco.

Fondamentali nell’inchiesta Rinascita-Scott per ricostruire le attività illecite della ‘ndrina dei Cassarola, oltre alle intercettazioni ambientali e telefoniche, anche le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Andrea Mantella (cugino, fra l’altro, di Rosario Pugliese) e Bartolomeo Arena, entrambi di Vibo Valentia. In particolare, quest’ultimo, ha dettagliatamente indicato genesi ed evoluzione dello scontro fra il suo gruppo – ricomprendente gli ex appartenenti al sodalizio guidati da Mantella, esponenti delle famiglie Camillò-Macrì e anche della famiglia Pardea – e quello dei “Cassarola”, con la preparazione di un agguato (poi fallito) ai danni proprio di Rosario Pugliese.