Per Schittulli, Arminio, D’Onofrio riconoscimenti alla Carriera il Premio “L. A. Seneca” 2020 

Arte, Cultura & Società

Per Schittulli, Arminio, D’Onofrio riconoscimenti alla Carriera al Premio accademico internazionale di letteratura contemporanea “L. A. Seneca” 2020 

Si è svolta a Sannicandro di Bari il 3 ottobre 2020, presso il Castello normanno svevo, la IV edizione del Premio accademico di letteratura internazionale L. A. Seneca a cura dell’Associazione culturale L’Oceano Nell’Anima (BA) in collaborazione con l’Accademia delle Arti e delle Scienze filosofiche.

L’evento, curato da Massimo Massa, presidente e ideatore del Premio Seneca; Maria Teresa Infante, direttrice artistica; Barbara Agradi, socia fondatrice, già patrocinato nelle precedenti edizioni dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Ufficio del Cerimoniale di Stato e per le Onorificenze, si è avvalso quest’anno del patrocinio del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, dell’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari, della Regione Puglia, del Comune di Sannicandro di Bari e di numerosi altri Enti e associazioni di rilevanza nazionale.

Presente l’Assessore al Patrimonio e alla Pubblica Istruzione Gianfranco Terzo in rappresentanza dell’amministrazione, sono stati consegnati prestigiosi riconoscimenti alla Carriera a personalità che si sono particolarmente distinte nel campo della letteratura, della ricerca e della medicina e dell’informazione, su attenta valutazione del Comitato scientifico dell’Accademia delle Arti e delle Scienze filosofiche.

Il Seneca di Bronzo alla Carriera – realizzato dall’artista Dino Bilancia – per alti meriti letterari è stato assegnato al poeta, scrittore, regista Franco Arminio, nato a Bisaccia (AV). Durante la manifestazione ad ampio spettro culturale Arminio, intervistato da Beniamino Pascale, giornalista del quotidiano “l’Attacco” di Foggia, dopo la lettura di alcune sue liriche, si è espresso in merito al compito della poesia contemporanea e del suo potere comunicativo onde potersi rendere tramite per la rinascita di sentimenti identitari e umanitari, calandosi profondamente nel sociale per un risveglio culturale individuale e di massa. Particolare riferimento ai luoghi e alle radici, alla valorizzazione dei piccoli paesi, soprattutto nel mezzogiorno.

Il Premio Auriga 2020 alla Carriera è stato assegnato al Dott. Francesco Schittulli per l’impegno e la dedizione profusi nel campo della chirurgia oncologica e nella ricerca scientifica. Il senologo, oncologo di chiara fama nazionale – laureato in medicina e chirurgia, specializzato in chirurgia generale e in oncologia – ha tenuto viva l’attenzione dei presenti non solo per il suo intervento medico e professionale di grande interesse volto all’informazione basata soprattutto sulla prevenzione del cancro al seno e un sano stile di vita ma, soprattutto per le sue doti umane che ne hanno potenziato il messaggio. Il professore Schittulli dal 2009 opera presso la “Mater Dei Hospital” di Bari, ricoprendo il ruolo di senologo-chirurgo e direttore scientifico della Breast Unit.

Il Premio Minerva 2020 alla Carriera per l’informazione e un giornalismo di qualità è stato assegnato al giornalista tv Onofrio D’Alesio, direttore responsabile dell’emittente televisiva Antenna sud. Intervistato dal collega Pascale ha relazionato soprattutto sul ruolo che compete ad una sana informazione che mai dovrebbe piegarsi ai compromessi e procedere sui sentieri dell’onestà intellettuale. “Bisogna avere il coraggio di dire anche No agli editori quando l’impostazione della notizia non è coerente con i propri valori etici, per una politica di trasparenza comunicativa. Spesso sono una voce fuori dal coro” ha concluso il giornalista, già direttore responsabile del settimanale L’Adriatico, ricopre inoltre l’incarico di giornalista presso Radio 24 e l’Attacco di Foggia, giornalista freelance presso MediaReport Tv.

Durante la manifestazione sono stati consegnati i riconoscimenti a tutti i concorrenti selezionati dalla commissione esaminatrice composta da autorevoli personalità ed esponenti del mondo della cultura, dell’informazione e della docenza accademica ed universitaria, presieduta dal prof. Pasquale Panella, Rettore-preside dei Collegi dello Stato. Una commissione di assoluto spessore, motivo di orgoglio e di grande affidabilità per l’intero staff organizzativo del Premio Seneca a cui hanno partecipato 380 Autori per un totale di oltre 1500 componimenti pervenuti. Tantissime le adesioni estere tra cui Albania, Svizzera, Montenegro, Grecia, Turchia, Iran, Romania, Serbia, Spagna, Argentina, Egitto, Germania, India, Bosnia Erzegovina, USA e Francia. Rilevante la partecipazione di giovani studenti e universitari.

Per l’edizione Seneca 2020 si classifica al 1^ posto nella sezione Poesia Vittorio Di Ruocco di Pontecagnano (SA. Per la Sezione Silloge Maria di Sant’Agnello (NA). Sezione Narrativa Anna Maria Gargiulo di Meta (NA). Sezione Corto di scena Anna Daniela l’Altrelli di San Severo (FG. Poesia dialettale Stefano Baldinu di Bologna. Residenti all’estero Azcurra Montero María Celia di Pinamar (Argentina). Per la Categoria STUDENTI Scuole superiori, sezione Poesia Oian Arianna Elisa, Campoformido (UD); sezione Narrativa Francesca Contegiacomo di Putignano (BA). Per la Categoria STUDENTI universitari, sezione Poesia Giuliano Guido di Torino; sezione Narrativa Fabrizio Sani di Roma. Il Premio “Città di Bari” è stato assegnato a Laura Pavia.

Il Premio speciale “Ciò che Caino non sa” – contro la violenza di genere – è stato assegnato a Marina M. Grassano di San Severo (FG). Il Premio speciale del Presidente di Commissione è per Serenella Siriaco di Napoli.

Apprezzatissime le pause musicali grazie a giovani talenti con alle spalle già un curriculum artistico di rilievo: Annarosa Partipilo di Bari, pianista. Diplomata presso il Conservatorio “N. Piccinni” frequenta il corso di perfezionamento con il maestro Daniel Rivera, presso l’Accademia “Stefano Strata” di Pisa. Francesco Baccellieri di Bari, pianista. Diplomato presso il liceo musicale “Don Lorenzo Milani” di Acquaviva delle Fonti attualmente studia presso il Conservatorio “Egidio Duni” di Matera con il maestro Vito di Modugno. Nunzia Pizzulli di Bari, soprano lirico leggero. Nell’ottobre 2015 si iscrive ai corsi pre-accademici del Conservatorio di Matera. Attualmente frequenta il terzo anno del primo livello e studia un repertorio da soprano lirico leggero.

La manifestazione, condotta dalla stessa direttrice artistica Maria Teresa Infante, coadiuvata sul palco da Nastasia Mondino, si è svolta nel pieno rispetto delle normative anti covid.

All’accoglienza Marika Mondino e Antonella Morgese, per agevolare le normali procedure organizzative e quelle restrittive dell’emergenza sanitaria.