Ryanair: la Puglia riprende il volo

Cronaca

Spiccheranno ancora una volta il volo gli aerei della nota compagnia low cost Ryanair con 50 voli tra nazionali ed internazionali.

Lo aveva già pre-annunciato il Presidente della Regione Puglia e l’assessore all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia Loredana Capone. Qualche giorno fa l’assessore, attraverso un post su Facebook, aveva reso noto l’accordo raggiunto tra la Regione, il Ministero dei Trasporti e i maggiori vettori del trasporto aereo ai quali si è aggiunta in questi giorni proprio Ryanair.

Voli aerei: quali sono le destinazioni?

La riapertura degli Aeroporti di Puglia è una notizia molto importante per il turismo italiano che, causa Covid-19, sarà sempre più di prossimità e all’interno dei confini nazionali. I turisti pugliesi potranno raggiungere le grandi città italiane grazie ai servizi offerti dalle compagnie: EasyJet, WizzAir, Swiss, Air France e Alitalia. Si potranno raggiungere i grandi centri urbani di Milano, Roma e Venezia ma anche alcune destinazioni internazionali come Basilea, Parigi, Londra e Nantes.

Per quanto riguarda le partenze da Brindisi, invece, a giugno sarà possibile raggiungere: Bergamo, Bologna, Roma Fiumicino e Milano Malpensa.

A luglio: Pisa, Londra Stansted, Treviso, Torino, Bruxelles Charleroi, Francoforte, Parigi Beauvais, Eindhoven, Manchester e Verona. Ad agosto: Memmingen.

Le dichiarazioni di Tiziano Onesti, presidente di Aeroporti di Puglia

A proposito della ripresa dei voli Ryanair dagli scali di Bari e Brindisi  si è espresso il presidente di Aeroporti di Puglia Tiziano Onesti: “rappresenta un ulteriore segnale positivo per la Puglia e per gli aeroporti di Bari e Brindisi. Procediamo a grandi passi verso il ripristino delle normali condizioni di operatività dagli aeroporti pugliesi che, prima dell’emergenza COVID-19, registravano volumi di traffico importanti per l’economia della regione, specie per l’industria turistica. Strategici per la pronta ripresa sono stati gli eccellenti rapporti commerciali che Aeroporti di Puglia ha mantenuto, anche in questa difficile fase, con tutti i vettori che operano dai nostri scali e il cui contributo” ha proseguito Onesti: “è stato determinante per la crescita del ‘brand Puglia’ su tutti i più importanti mercati internazionali. Tutta questa intensa attività va anche inquadrata in un positivo contesto di serrato confronto con i principali “stakeholder”, Regione Puglia per prima, associazioni di settore, tour operator, il cui contributo è stato fondamentale per la ripresa delle attività operative e di volo. Auspichiamo che questo processo di ‘rinascita’”  ha concluso il presidente Onesti “possa proseguire in maniera sempre più consistente e sostenibile anche nei prossimi giorni, dando così nuovo slancio alla ripresa della mobilità aerea della Puglia”.

La soddisfazione di Michele Emiliano

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano si è mostrato entusiasta per questa ripartenza del traffico aereo: “Finalmente si riparte, si torna a volare negli aeroporti pugliesi e lo si fa nel migliore dei modi, nel rispetto delle norme di sicurezza. In questi mesi non abbiamo mai mollato, perché l’obiettivo della Regione Puglia e di Aeroporti di Puglia, è sempre stato quello di ripristinare il prima possibile e comunque quando i decreti ce lo avrebbero permesso, la normalità. L’annuncio della ripresa da parte dei vettori con i quali si è instaurato un grande e forte rapporto non solo professionale, ma anche personale, è la dimostrazione che il sistema funziona e che la credibilità della Società di gestione aeroportuale è sempre stata una costante. Abbiamo inviato, come Regione, le lettere a tutte le major, perché sentissero la vicinanza della Puglia che ha sempre teso loro una mano e perché la loro fiducia fosse così grande da tornare a volare sui cieli pugliesi. Gli scali di Bari e Brindisi tornano a vivere dopo l’emergenza. A Brindisi al momento sono attivi 22 collegamenti. Se è vero che il viaggio apre la mente, il mio invito a tutti i pugliesi è quello di riprendere a volare, perché noi ci siamo impegnati per rendere il vostro viaggio sicuro”.