“Aiutiamo le famiglie a ridurre i costi utenze”

Ambiente & Turismo

foto Pierluigi Introna

Il comune di Bari primo in Europa a sperimentare il w10 in case Erp. Introna: “aiutiamo le famiglie a ridurre i costi utenze”

Una nuova azienda sorgerà nella zona industriale che creerà il dispositivo. Previste 50 assunzioni a tempo indeterminato

di  Myriam Di Gemma

BARI – Una nuova azienda si insedierà entro giugno nella zona industriale a Modugno. Assunzione immediata per 15 persone, con un incremento previsto fino a 50 unità lavorative. Si cercano operai specializzati in elettronica e operai generici. Lo ha annunciato Trabelsi Abdelouahab, a margine di una conferenza svoltasi al Comune di Bari in occasione della presentazione del progetto W10, sull’efficientamento energetico.

Trabelsi Abdelouahab è il titolare del brevetto del W10, nonché produttore con una società ad Ancona, e ha deciso di investire in Puglia per produrre il dispostivo che consente di ridurre  i consumi elettrici.

L’Enerblade è un’azienda di servizi energetici, titolare della distribuzione in Europa del W10. E ha proposto ad alcune amministrazioni comunali l’installazione gratuita del dispositivo in alcune abitazioni.  Ad accogliere la proposta, il vicesindaco di Bari, Pierluigi Introna, nonché Assessore al Patrimonio, che a sua volta lo ha presentato in Giunta, ottenenendone l’approvazione.

“Tre sono i fattori – dice Pierluigi Introna,Vice Sindaco di Bari, in conferenza stampa – che ci hanno spinto a dire sì a questo progetto:miglior utilizzo di energia elettrica, un suo minor spreco e minor inquinamento derivante dalla produzione di energia stessa. La sottoscrizione di questo protocollo tra Enerblade e Comune di Bari, vedrà la sperimentazione di 12 mesi in 24 abitazioni in due palazzine Erp di proprietà comunale site in via Roccaporena n.10 a Carbonara. In base ai risultati del monitoraggio energetico, coinvolgeremo più Ripartizioni e studieremo un bando pubblico con il quale affideremo questo servizio all’esterno. Il Comune è proprietario di 4 mila appartamenti e poi in città ci sono anche gli 8900 appartamenti di Arca Puglia, quindi in totale quasi 13 mila alloggi potrebbero essere efficentati nell’interesse esclusivo della comunità”.

Gianluca Mariani, vice presidente di Enerblade : “Dopo l’installazione dei dispositivi, verificheremo, attraverso step mensili, i kwh consumati. Parliamo solo di energia elettrica, e non di energia termica. La media in Puglia dei consumi elettrici, si aggira attorno ai 2500 kwh, in ogni singola abitazione. In bolletta potremmo stimare un risparmio di 60 euro a bimestre. Ma la missione di Enerblade è di ridurre l’impatto ambientale delle fonti fossili. Quindi attraverso l’utilizzo massivo del W10, consentirà di ridurre l’emissione di CO2, poiché minore produzione di energia, minore produzione di inquinamento. Tengo a precisare che il 30% di risparmio sarà in kwh che poi si tramuteranno in un 15% del risparmio economico in bolletta”.