Gioia  del  Colle nella  “memoria“ di  Mimmo Milano

Eventi & Spettacoli

Personale  presso  PALAZZO  ROMANO, Via N.Sauro, 10 , Gioia del Colle

Dal  4 Maggio  2019, ore 19.00. Presentazione  a  cura  della Dott.    Maria  Catalano, Storica e critica d’arte, già  Mibac

Ho  seguito Mimmo Milano dagli inizi nei  suoi  approcci a  Mostre e  Fiere. Ormai da diversi  decenni e  anche  se poi  Mimmo ha seguito da  solo il suo percorso, con la volontà di un Leone, ho compreso  che  aveva capito benissimo i meccanismi dell’Arte e  del Mercato  , ma   nello  stesso  tempo ha portato avanti il suo discorso e le  sue ricerche di  forme  e materiali, luci ombre per  approdare  all’oggi.

Mimmo   ha  fatto anche  scelta drastiche  da ammirare.

Mimmo ha  una passione  viscerale per la pittura, da sempre.

Il  suo percorso non  è estraneo  al disegno e  lo dimostra   nelle  illustrazioni dedicate alla  sua  Gioia, la  sua  HOME,  che  ama e  che non lascerebbe mai. E  questo  illustrare proverbi e  detti  ne è la conferma. Le  figure  appaiono  ben  delineate  e con pochi tratti puliti e precisi, affiancando  i  detti   e proverbi  popolari.  Ed  eccolo  PADRONE DEL DISEGNO, lo piega e lo forgia  adattandolo a  varie esigenze.

Sono  scene  di vita  reale , di  un paese  pugliese dalle  usanze  senza tempo , Gioia  come  altri, Ma  con una  sua  precisa identità  FONETICA E  DI USI.

Sono  racconti  ormai  senza tempo, memorizzati e poi tradotti su carta. E  quale  migliore  occasione  la  manifestazione  “INCHIOSTRI  DI  PUGLIA” nella suggestiva  ambientazione  di  PALAZZO  ROMANO, sicuramente uno dei più belli della  Cittadina.

E  Mimmo  accetta  la  sfida. Dimostra la sua  autentica preparazione  e passione per il disegno, pulito  e sintetico, eseguito  con la stessa passione che  mette  nelle sue opere, dalle primissime  fatte  di segni.  Il segno  fatto di punti  messi insieme e  base primordiale di  qualsiasi espressione  artistica.  Su  questo  ho scritto più volte  e da  storica dell’arte  non potevo che  appoggiare  questa  sua  espressione ed  evoluzione.

Come già sottolineato, più volte Mimmo  studia i grandi, Leonardo, Cennino Cennini, i loro scritti per  Mimmo sono  quasi  Vangelo.

Ma  non  si  ferma e  va  avanti  e le  sue  linee  formano e  compongono , man  mano le  sue  “VISIONI  METROPOLITANE” . La  ricerca  artistica  continua incessante  e racconta le  metamorfosi di  grandi  METROPOLI.  Di   giorno  vita  frenetica, di notte una pausa  soffusa, solo luci  accese  ad indicare presenze, perchè in una  Metropoli non si dorme  mai….

Mimmo  si ispira  alla nostra  vita  quotidiana, Metropoli, città o piccoli  centri, di  giorno  si  lavora, ci  si affanna ,  si  corre  come formiche operose.  Di  notte  tutto  sembra  fermarsi, ma le  luci  indicano che c’è chi  lavora per  noi, per  sorveglianza, pulizia, benessere, per  turnazioni, per  mille  motivi.  Ma la  nostra  mente  non  si spegne  mai del tutto, anche in completo  riposo  ci  sono  i  sogni, le idee  che la percorrono, sensazioni  e preoccupazioni.

E  su  tutto  veglia  sempre  la  luna in  tutte  le  sue  forme, aspetti, interpretazioni. Solo cosi  la  VISIONE  METROPOLITANA  è veramente  completa.

Mimmo  si  rimette in gioco  anche  quando decora le  antiche porte o  nell’action painting su modelle.  Tocca  gli estremi, e poi  ancora un abito  con la  sua  VISIONE  METROPOLITANA,  ampio, bellissimo, lungo  ed  avvolgente  come una  metropoli  di notte.