Principale Ambiente, Natura & Salute Diritti negati: genitori di adolescenti trans* scrivono all’Europa

Diritti negati: genitori di adolescenti trans* scrivono all’Europa

Una voce coraggiosa si leva dall’Italia: genitori di adolescenti trans* si uniscono per difendere i diritti delle loro creature.

Con una lettera indirizzata alle istituzioni europee, oltre 250 persone, supportate dalle associazioni Agedo e Arcigay, denunciano le speculazioni politiche che minacciano i percorsi di affermazione di genere delle persone trans*, in particolare dei minori.

La controversia ha preso piede intorno all’Ospedale Careggi di Firenze, un centro di eccellenza per i percorsi di affermazione di genere delle persone adolescenti.

Un’interrogazione parlamentare sollevata dal senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri ha innescato una serie di accuse e insinuazioni contro l’Ospedale, sollevando dubbi sull’utilizzo dei bloccanti pubertali e sull’assistenza psicoterapeutica e psichiatrica fornita ad adolescenti trans*.

Le reazioni alla notizia dell’ispezione ministeriale sono state violente e minacciose, con famiglie di persone trans* che hanno ricevuto insulti e minacce.

Arcigay e Agedo hanno già cercato di sollevare la questione presso le autorità italiane, ma senza successo, portando così il loro appello a livello europeo.

Nella lettera indirizzata all’Unione Europea, i genitori ribattono alle accuse, sostenendo che l’Ospedale Careggi fornisce un servizio sanitario di eccellenza e che le insinuazioni politiche mettono a rischio la vita dei loro figli e delle loro figlie. I genitori chiedono un intervento urgente per bloccare le iniziative discriminatorie contro le persone trans* e garantire loro l’accesso a servizi sanitari adeguati.

La lettera rivela anche le sfide affrontate dalle famiglie di fronte a un sistema sanitario spesso impreparato a gestire l’incongruenza di genere. Molti genitori hanno dovuto affrontare da soli la comprensione e l’assistenza ai loro figli e alle loro figlie, in un contesto in cui i diritti delle persone trans* sono spesso ignorati e negati.

I genitori chiedono che si ponga fine alla politica anti-scientifica e discriminatoria che mette a rischio la vita dei loro figli e delle loro figlie. Chiedono un impegno concreto per proteggere i diritti e la salute delle persone trans*, sottolineando l’importanza di un approccio basato sulla scienza e sul rispetto dei diritti umani.

Luigi Pignatelli

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.