Principale Ambiente, Natura & Salute I novant’anni dell’acido ialuronico: il vecchio giovane.

I novant’anni dell’acido ialuronico: il vecchio giovane.

Di Rossella Longo
L’elisir di bellezza, anche più semplicemente considerato la spugna del nostro corpo, è l’acido ialuronico.
Scoperto nel 1934 dal tedesco Karl Meyer e dal collega John Palmer, venne isolato per la prima volta negli occhi delle mucche, nel loro umor vitreo. Il nome Hyaluronic Acid deriva dalla parola greca “hyalos” che significa “vetro”, proprio per la sua trasparenza.
L’acido ialuronico (HA) è una sostanza presente naturalmente nel nostro corpo ed è composta da una lunga catena di molecole di zucchero legate insieme ( tipo di glicosaminoglicano, molecola che si forma attraverso la ripetizione di sequenze di due zuccheri semplici).
Esso lubrifica, idrata, cicatrizza, allevia l’ infiammazione.
Rimane giovane, giovanissimo, nonostante la sua indiscussa vecchiaia.
Ed il mercato farmaceutico (e dermocosmetico) lo sa bene.
Il business globale, che ruota attorno all’acido ialuronico, ha raggiunto 7,2 miliardi di dollari nel 2016 e, la previsione futura, legge una crescita, nel 2025, del doppio di questo fatturato.
Numeri entusiasmanti che dimostrano quanto l’interesse relativo all’acido ialuronico si sia esteso a vari ambiti: da quello farmaceutico, medico, a quelle alimentare e cosmetico.
Tutto ciò è di certo riconducibile alle sue proprietà antinfiammatorie e cicatrizzanti ma anche alle molteplici caratteristiche biologiche e fisico chimiche:
• la biocompatibilità;
• biodegradabilità;
• non immunogenicità;
• mucoadesività;
• igroscopicità;
• viscoelasticità;
• lubricità.
 Il suo impiego esogeno lo conosciamo in maniera estesa: dal topico al filler.
Ed è sbalorditivo come il vecchio acido ialuronico, che nel 2024 festeggia il suo novantesimo compleanno, sia capace di ridonare, a uomini e donne, un aspetto giovane e rilassato.
Proprio vero, quindi, che “chiunque sia in grado di mantenere la capacità di vedere la bellezza non diventerà mai vecchio.”
(Franz Kafka)

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.