Principale Ambiente, Natura & Salute Mobilitazione a Martina Franca contro i tagli del fondo per i disturbi...

Mobilitazione a Martina Franca contro i tagli del fondo per i disturbi alimentari

Il 19 Gennaio un’onda di consapevolezza ha invaso Piazza Roma a Martina Franca (TA), dove il Collettivo 080 – Rete Studenti Medi e Villa Castelli Online hanno manifestato contro i tagli al Fondo per i Disturbi Alimentari, fenomeno che ha acquisito ancora maggiore rilevanza dopo l’emergenza COVID-19.

L’evento è stato caratterizzato da un forte appello alla partecipazione attiva. Il messaggio principale è stato chiaro: «Il 19 Gennaio scendiamo in piazza, perché di disturbi alimentari si muore, oggi più di ieri. E se non facciamo nulla, si morirà domani più di oggi.»
Un particolare allarme è stato lanciato riguardo al triplicarsi dei casi di disturbi alimentari dopo il COVID-19. La pandemia ha scatenato una serie di fattori che hanno contribuito a questo aumento, tra cui lo stress, l’isolamento sociale e la maggiore pressione psicologica. Tuttavia, nonostante il notevole aumento dei casi, i posti disponibili per le cure sono rimasti invariati, anzi, si profila una diminuzione.
Gli interventi hanno sottolineato l’urgenza di affrontare il problema a livello di politiche sanitarie, chiedendo un aumento delle risorse e dei servizi dedicati al trattamento dei disturbi alimentari. L’appello alla consapevolezza e alla solidarietà è stato enfatizzato, con l’invito a far sentire la propria voce.

Il presidio si è svolto Venerdì 19 Gennaio, a partire dalle ore 17, in Piazza Roma, a Martina Franca. La posizione strategica, insieme con storie e vari post sui social, ha permesso di attirare l’attenzione di un nutrito numero di persone, contribuendo a diffondere il messaggio oltre i confini della piazza stessa.
La mobilitazione a Martina Franca è stata un passo significativo verso la consapevolezza e l’azione contro i disturbi alimentari. Con l’aumento dei casi e la minaccia di una diminuzione dei posti per le cure, l’evento ha funzionato come un richiamo urgente per affrontare questo problema crescente e garantire che le risorse necessarie siano messe a disposizione per salvare vite. Scendere in piazza è stato solo l’inizio di un impegno continuo per affrontare questa sfida critica.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.