Principale Rubriche Interviste & Opinioni Dottori della vita

Dottori della vita

Mimmo Lastella

Carissimi lettori, carissime lettrici

Prendo spunto da una mail istituzionale inviatami dalla segreteria particolare dell’assessora regionale ai trasporti e mobilità sostenibile della regione Puglia, dottoressa Anita Maurodinoia; che, mi comunicava la data dell’incontro per discutere dei disservizi della FBN, la quale recitava: “gentile Dott Lastella,” per fare alcune considerazioni a riguardo il dottorato, non il dottorato ottenuto con la laurea cartacea, ma il dottorato ottenuto con le esperienze di vita vissuta a cominciare dalla gavetta, poco avvezza alla generazione Z.

Ora, ringrazio la gentile segretaria particolare dell’assessora per avermi dato il titolo di dottore, ma non sono un laureato all’università nel senso scolastico del termine “preciso che sono uno scrittore e blogger autodidatta, con terza media e diploma tecnico professionale di centralinista ipovedente”, ma mi ritengo un laureato all’università della vita quotidiana, fatta di esperienze di vita vissuta, a cominciare dai lavori umili, fino alle battaglie politiche condotte in ilo tempore sempre a difesa delle classi povere e lavoratrici, all’epoca supportato da un grande partito popolare di massa e di sinistra: “il partito comunista italiano” e per quanto riguarda le lotte per il riconoscimento dei sacrosanti diritti delle persone prive della vista, come il diritto al lavoro e al trasporto pubblico gratuito, da quella che ritengo la più grande e seria associazione di disabili, ovvero l’Unione italiana ciechi e ipovedenti, fondata cent’anni orsono da Aurelio Nicolodi.

Fatto questo breve excursus, credo che ciascuno di noi, debba ritenersi dottore, dottore laureato all’università della vita, una vita fatta di alti e bassi, di gioie e dolori, ma con la consapevolezza che per poter raggiungere dei buoni risultati, occorre partire da zero, occorre sorbirsi applausi, ma anche pomodori in faccia e soprattutto, mai arrendersi.

L. “scrittore e opinionista”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.