Principale Arte, Cultura & Società Cinema & Teatro Il Gatto e gli stivali in scena al teatro Kismet

Il Gatto e gli stivali in scena al teatro Kismet

Per la stagione dedicata alle famiglie

L’eroe a 4 zampe delle fiabe nello storico adattamento di Lucia Zotti

10 dicembre 2023 – strada San Giorgio martire 22f, Bari

L’eroe a quattro zampe più amato delle fiabe arriva a teatro nello storico e divertente adattamento di Teatri di Bari. Il gatto e gli stivali (consigliato a partire da 5 anni) in scena domenica 10 dicembre alle ore 18 per la Stagione famiglie a teatro del Kismet di Bari, a cura di Teresa Ludovico per Teatri di Bari.

Monica Contini, Giacomo Dimase e Marialuisa Longo, diretti da Lucia Zotti, sul palcoscenico interpretano una divertente fiaba che pone l’attenzione su una qualità del ‘sentire’ umano che tende ad essere soffocata, se non annullata: quella dell’istinto primordiale, quell’istinto che, quasi magicamente, conduce a discernere la giusta strada nella giungla del vivere; a riconoscere fra gli incontri quelli positivi; ad aver il coraggio di affrontare gravi pericoli per realizzare un sogno; a credere che i sogni possono essere realizzati, se li si nutre di significato concreto. “Il protagonista, infatti, non è un gatto qualunque, ha poteri straordinari grazie all’aiuto degli stivali – spiega la regista Zotti – non essendo fuorviato dalla razionalità cerebrale, ascolta e crede alla voce interiore e ne segue le indicazioni senza cercare spiegazioni. Egli rappresenta la tenacia psichica, l’istinto che guida il protagonista. Ode e vede in modo diverso dall’essere umano: si muove a livelli cui l’Io non penserebbe mai, conosce istintivamente il mistero della psiche femminile, per cui è in grado di riconoscere nella fanciulla (la Principessa) la giusta compagna; per il suo padrone infine ha il coraggio di affrontare il pericolo, rappresentato dall’orco, rischiando la vita per conquistare anche il benessere materiale”.

La Stagione ‘Famiglie a teatro’ del Teatro Kismet è realizzata con il sostegno del Ministero della Cultura, della Regione Puglia e del Comune di Bari.

I biglietti della Stagione pomeridiana 2023.24 partono da un prezzo di 7,50 euro e si possono acquistare al botteghino del Kismet (strada San Giorgio martire 22F, Bari) e online sul circuito Vivaticket. E per chi possiede la Ki(d)smet card, ritirabile gratuitamente al botteghino, il biglietto costa la metà. Il botteghino è attivo dal martedì al venerdì ore 10.30 – 12.30 | 16.30 – 19 e due ore prima dello spettacolo.

Per informazioni si può chiamare il botteghino del Kismet (strada San Giorgio martire 22F, Bari) al numero 335 805 22 11. La Stagione completa è disponibile sul sito www.teatridibari.it.

 SCHEDA ARTISTICA

Teatri di Bari

IL GATTO E GLI STIVALI

testo e regia Lucia Zotti

con Monica Contini, Marialuisa Longo, Giacomo Dimase

oggetti di scena maschere e decorazioni Massimiliano Massari

musiche originali Nicola Masciullo

costumi Monica Contini

progetto luci Vincent Longuemare

progetto scenografico Masciullo Longuemare

Da 5 anni

 

C’erano una volta tre fratelli. “E che è successo?”

Muore il padre lasciando in eredità al più giovane dei figli un gatto, buono solo per finire in pentola. “E che è successo?” Il gatto non vuole finire arrosto e si industria per far raggiungere la felicità al suo padrone. “E che è successo?”

Il gatto si scontra con il malvagio orco Millefacce e, stuzzicando la sua vanità, riesce a farlo trasformare in un topolino per poterlo catturare e impossessarsi così del suo castello. “E che è successo?” Attraverso mille ostacoli, il protagonista, che grazie al gatto è diventato “Marchese di Fruttasecca”, sposa la principessa Ciliegina, figlia del Re di Vallefruttata. “E che è successo?” Tutti vissero felici e contenti. “E che è successo?” Lo spettacolo è finito!

È questa una storia che pone l’attenzione su una qualità del “sentire” umano che tende ad essere soffocata, se non annullata: quella dell’istinto primordiale, quell’istinto che, quasi magicamente, conduce a discernere la giusta strada nella giungla del vivere; a riconoscere fra gli incontri quelli positivi; ad aver il coraggio di affrontare gravi pericoli per realizzare un sogno; a credere che i sogni possono essere realizzati, se li si nutre di significato concreto.

Il gatto non è un gatto qualunque, ha poteri straordinari grazie all’aiuto degli stivali; non essendo fuorviato dalla razionalità cerebrale, ascolta e crede alla voce interiore e ne segue le indicazioni senza cercare spiegazioni. Egli rappresenta la tenacia psichica, l’istinto che guida il protagonista; ode e vede in modo diverso dall’essere umano: si muove a livelli cui l’Io non penserebbe mai, conosce istintivamente il mistero della psiche femminile, per cui è in grado di riconoscere nella fanciulla (la Principessa) la giusta compagna; per il suo padrone infine ha il coraggio di affrontare il pericolo, rappresentato dall’orco, rischiando la vita per conquistare anche il benessere materiale.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.