Principale Arte, Cultura & Società Arte in Tribunale. Una Trani mai vista nelle fotografie di Michele Pietralongo

Arte in Tribunale. Una Trani mai vista nelle fotografie di Michele Pietralongo

di Giulia Reina

Chi non conosce Trani, splendida perla adriatica, città dalla storia nobile e antica, con la sua cattedrale romanica, bella tra le belle, incastonata nel mare come una gemma preziosa?

Nota è anche la storia gloriosa della Corte di Appello delle Puglie, alloggiata a Palazzo Torres di fronte alla cattedrale, massimo organo giudiziario della Terra di Bari dal 1861 al 1923, oggi sede del tribunale penale  e della procura della repubblica.

Meno famosa, ma non meno pregevole, è la sede della sezione civile del tribunale, dislocata nel seicentesco Palazzo Candido, un tempo sede degli uffici comunali, nel cui atrio campeggia un’antica lapide con un’iscrizione sulla fondazione di Trani da parte di Tirreno, figlio dell’eroe omerico Diomede.

Tra mito, storia e giustizia, ci sta proprio bene la visione contemporanea di Michele Pietralongofunzionario di Cancelleria col pallino per la fotografia.

In questi giorni, Palazzo Candido ospita infatti una esposizione degli scatti poetici dedicati da Pietralongo a Trani e alla sua bellezza. Immagini metafisiche, catturate all’albeggiare, di luoghi sempre affollati ma insolitamente vuoti nello sguardo dell’artista.

E’ una Trani mai vista dai meno mattinieri, il cui accostamento alla domus justiciae, al palazzo della Giustizia, usualmente luogo di patemi e conflitti, non manca di suscitare qualche emozione.

Pietralongo riesce a proiettarci in uno stato onirico e senza tempo, una specie di mondo della bellezza, di cui Trani è al contempo simbolo e parte.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.