Principale Rubriche Interviste & Opinioni La Polizia Municipale di Taranto talvolta non rispetta la legge

La Polizia Municipale di Taranto talvolta non rispetta la legge

La disorganizzazione degli Uffici della Polizia Municipale non puo’ essere un onere a carico dei cittadini. Proprio dai luoghi da cui dovrebbe venire la testimonianza di legalità, si irradia in maniera evidente  la violenza e l’illegalità.

Dopo due giorni trascorsi a casa per problemi di salute, stamattina sono uscito per  recarmi in ospedale dove a mezzogiorno avevo appuntamento con un medico. A sorpresa pero’, la mia auto,  che avevo parcheggiato due giorni fa in via blandamura, non c’era piu’.

Ho chiesto notizie ad un vigile, che mi ha risposto che, al fine di consentire alle autorità preposte di trovare facilmente il parcheggio per la partecipazione ai funerali dei soldati defunti nell’incidente stradale dell’altro giorno, tutte  le auto parcheggiate in via blandamura erano state tutte forzatamente rimosse e  portate alla depositeria comunale.  Mentre lo diceva mi ha indicato la segnaletica sulla quale era indicata l’ordinanza dirigenziale indicante il divieto di parcheggio.

Il problema è che questa ordinanza, in particolare la numero 620, è datata 30/11/2023 ( cioè ieri) (avanti ieri n.r) e che l’apposita segnaletica è stata posta in via blandamura (come indicato nella foto che si allega) alle ore 11 del 30/11.

La legge (in particolare l’art. 6 alla lettera f del codice della strada ) prevede che tali divieti debbano essere comunicati ai cittadini NON MENO di 48 ore ore prima dell’evento: quindi questa rimozione delle auto (la mia e quella di tutti gli altri) effettuata stamattina da via Blandamura, risulta palesemente ILLEGALE perchè non sono stati rispettati i termini dell’avviso previsti dalla legge.

VENENDO MENO IL PRESUPPOSTO principale, conseguenzialmente, risultano illegale la multa comminata ai cittadini e la sanzione dovuta al gestore della depositeria.

Forse dovremmo interrogarci sul ruolo della polizia municipale a Taranto e chiederci se viene concepito come un servizio a supporto dei cittadini, o come un mero strumento sanzionatorio e se è giusto che per consentire alle istituzioni di non perdere tempo alla ricerca del parcheggio i normali cittadini debbano essere in maniera cosi’ palese penalizzati

P.S.

SI allega fotografia della segnaletica posta in via Blandamura da cui si evince  data dell’ordinanza sindacale

Gianni liviano

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.