Principale Arte, Cultura & Società Scienza & Tecnologia Il talento europeo nell’intelligenza artificiale supera quello degli Stati Uniti: il report...

Il talento europeo nell’intelligenza artificiale supera quello degli Stati Uniti: il report di Atomico

La società di venture capital Atomico, in collaborazione con Orrick, HSBC Innovation Banking, Slush e una serie di fornitori di dati, ha pubblicato il suo rapporto annuale sullo stato della tecnologia europea. Il report “State of European Tech” di Atomico, dipinge un quadro sottosopra della tecnologia europea. L’Europa si è distinta  come regione in crescita negli ultimi tre anni rispetto alle sue controparti statunitensi, cinesi e altre internazionali. Difatti è l’unica regione in cui questi numeri sono aumentati rispetto ai livelli del 2020, aumentando del 18%. Negli Stati Uniti, i finanziamenti previsti di 120 miliardi di dollari per il 2023 rappresentano un calo dell’1% rispetto al 2020. Mentre i dati per la Cina e il resto del mondo dovrebbero diminuire rispettivamente del 7% e dell’8%. Negli ultimi dieci anni l’Europa non solo ha assistito a un aumento di oltre 10 volte del numero di ruoli attivi nell’ IA, ma vanta anche una popolazione residente più ampia di professionisti dell’intelligenza artificiale altamente qualificati rispetto agli Stati Uniti.

Il talento europeo nell’intelligenza artificiale supera quello degli Stati Uniti

Mentre la recessione macroeconomica globale ha continuato a incidere sull’ecosistema tecnologico in tutto il mondo, il valore totale complessivo dell’ecosistema tecnologico europeo – ovvero il valore azionario combinato di tutte le società tecnologiche pubbliche e private in Europa – è tornato al record del 2021 di 3 trilioni di dollari, dopo aver perso 400 miliardi di dollari di valore nel 2022. Questo grazie a un flusso costante di nuove startup che raccolgono fondi compensando i round al ribasso, con la maggior parte delle raccolte fondi effettuate come round flat o up round. I dati di quest’anno hanno visto la resilienza del settore tecnologico europeo passare dalla teoria alla realtà, con molti dati critici che si sono stabilizzati e altri che dimostrano la forza e la portata delle basi che ora sostengono l’ecosistema tecnologico europeo. Le aziende CEE, ad esempio, hanno attirato finanziamenti per 4,2 miliardi di dollari negli ultimi tre anni, dimostrando un crescente interesse da parte degli investitori internazionali di alto livello. L’Europa sta inoltre sottraendo agli Stati Uniti più talenti di quanti ne perde a favore del paese. Quest’anno nella regione sono arrivati ​​finora 8.400 lavoratori tecnologici statunitensi, rispetto agli 8.300 diretti attraverso l’Atlantico. Fa parte di una tendenza più ampia di un crescente pool di talenti tecnologici europei. Anche se i numeri sembrano essersi stabilizzati nel 2023, negli ultimi cinque anni il settore tecnologico europeo ha ampliato la propria forza lavoro da 1 milione di dipendenti a oltre 2 milioni.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.