Principale Attualità & Cronaca Democrazia in declino nel mondo: il report

Democrazia in declino nel mondo: il report

Secondo un nuovo rapporto dell’Istituto internazionale per la democrazia e l’assistenza elettorale (IDEA), l’anno scorso la democrazia globale ha subito un declino in quasi la metà dei paesi, sotto forma di attacchi a diritti come la libertà di espressione e di riunione o di elezioni distorte. Nell’ultimo rapporto sullo stato globale della democrazia, pubblicato martedì 2 novembre, 85 paesi su 173 hanno registrato un calo di almeno un indicatore di democrazia tra il 2017 e il 2022. Il calo è stato osservato da un polo all’altro, colpendo paesi come Brasile, Canada e Corea del Sud, nonché Stati membri dell’UE, come l’Ungheria.

Democrazia in declino nel mondo: il report

Questo è il sesto anno consecutivo di declino e la tendenza al ribasso più lunga della democrazia da quando IDEA ha iniziato a raccogliere dati nel 1975. E nonostante abbia la migliore performance democratica al mondo, l’Europa non fa eccezione a questo deterioramento. Austria, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo e Regno Unito sono tra i paesi che hanno registrato un “preoccupante deterioramento” di una serie di indicatori chiave, principalmente legati allo stato di diritto e alla libertà di stampa. Tra il 2017 e il 2022, il numero dei paesi che hanno subito un rallentamento della libertà di stampa è quadruplicato rispetto a quelli che hanno compiuto progressi. Mentre Germania, Portogallo e Paesi Bassi hanno sofferto di un peggioramento dell’autocensura dei media, sottolinea il rapporto, a seguito delle preoccupazioni sulla sorveglianza dei giornalisti e della crescente tendenza contro di loro. Anche la Grecia, dove la libertà di espressione è crollata per il quinto anno consecutivo, si trova ad affrontare uno scandalo di alto profilo che coinvolge il governo e i servizi di intelligence nell’hacking extralegale e nella sorveglianza dei giornalisti. Il Parlamento europeo ha dovuto affrontare la propria sfida in vista delle elezioni del 2024, con lo scandalo di corruzione “Qatargate” che ha sollevato preoccupazioni circa l’ingerenza straniera nel processo legislativo europeo. L’altra grande categoria in cui l’Europa ha visto un deterioramento è stata lo stato di diritto, soprattutto in Ungheria e Polonia, ma anche in altri paesi dell’UE come l’Austria. L’Austria è scesa di otto posizioni, al 36° posto, nella classifica sullo stato di diritto, alimentata dalle preoccupazioni sulla necessità del paese di migliorare le regole che regolano le attività esterne di ministri e segretari di stato. Nel frattempo, l’Ungheria è scesa di sei posizioni, arrivando al 64° posto, dove la disputa sullo stato di diritto è stata a lungo un problema, evidenziando la capacità limitata dell’UE di monitorare la sua “traiettoria (non) democratica”, anche dopo che l’UE ha congelato miliardi di euro in fondi per l’Ungheria. e Polonia, e hanno annunciato azioni legali per garantire l’indipendenza dei loro magistrati. “Entrambi i paesi rimangono generalmente invariati nella loro direzione, al di là di alcuni piccoli cambiamenti nell’approccio”, osserva il rapporto, aggiungendo che entrambi i paesi orientali hanno sperimentato battute d’arresto significative in cinque indicatori chiave negli ultimi cinque anni.

I fondamenti della democrazia sono minacciati

Nonostante questa situazione, il divario di lunga data tra i paesi nordici e occidentali, i paesi baltici e l’Europa centrale ha iniziato a ridursi. L’Europa centrale è stata l’epicentro della crescita democratica, diventando la seconda regione con i migliori risultati in termini di Stato di diritto. Inoltre, in Estonia, la rappresentanza delle donne in parlamento ha stabilito un nuovo record per il paese dopo le elezioni del marzo 2023, superando Norvegia e Finlandia in termini di rappresentanza. Anche la Lettonia ha fatto un grande balzo in avanti nella classifica della rappresentanza globale. “Mentre molte delle nostre istituzioni formali mostrano segni di debolezza, possiamo tuttavia sperare che questi contropoteri meno formali, siano essi giornalisti, organizzatori elettorali o commissari anticorruzione, riusciranno a contrastare le tendenze autoritarie e populiste”, ha affermato il segretario generale dell’IDEA. Ha detto l’internazionale Kevin Casas-Zamora. Dal 2017, l’Europa è anche la regione in cui si sono verificate più proteste, dalle persone scese in piazza contro il prezzo del carburante o la crisi del carovita, alle mobilitazioni contro la corruzione o la violazione della tutela dei diritti. Mobilitazioni di massa che possono portare a risultati positivi, come dimostrato dal caso della Polonia, dove le organizzazioni della società civile hanno organizzato manifestazioni che hanno portato il governo a ritirare i piani per limitare ulteriormente l’accesso all’aborto sicuro e appropriato nel paese.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.