Principale Economia & Finanza Borsa di Mosca: riprende il trading con lo yuan cinese

Borsa di Mosca: riprende il trading con lo yuan cinese

Banca di Mosca

La Russia a partire da oggi, riprenderà con il termine di regolamento di un giorno, le operazioni di cambio in valuta estera sul mercato aperto, con le vendite di yuan. Una mossa che segnala che la valuta cinese sta svolgendo un ruolo sempre più importante nella stabilizzazione del rublo e della stabilità finanziaria interna della Russia in mezzo a rapporti commerciali bilaterali più stretti. La Banca Centrale ha affermato che avrebbe acquistato e venduto FX sul mercato per ridurre al minimo l’effetto che il trading ha avuto sulla volatilità del tasso di cambio del rublo. La mossa riflette la crescente dipendenza della Russia dagli acquisti cinesi del suo petrolio. Il volume delle vendite di valuta in termini di rubli ammonterà a 54,5 miliardi di rubli ($ 800 milioni) – questo è l’importo che il Ministero delle finanze ha stimato il volume delle entrate perse di petrolio e gas del bilancio federale a gennaio. Gli interventi dureranno fino al 6 febbraio, il volume giornaliero delle transazioni sarà pari a 3,2 miliardi di rubli.

Borsa di Mosca riprende transazioni?

La Russia ha sospeso le operazioni di mercato in valute estere lo scorso anno dopo che i paesi occidentali hanno adottato dure sanzioni finanziarie ed economiche nei confronti di Mosca, in seguito alla crisi ucraina, causando una forte volatilità del rublo. Banche e società sono state espulse dal sistema del dollaro e dell’euro e lo yuan è diventato una sorta di rifugio finanziario sicuro per la Russia. I fondi in euro, sterline e yen nei conti presso la Banca Centrale sono bloccati, perciò da allora la regola di bilancio è stata sospesa. Alla fine dell’anno, il Ministero delle Finanze ha approvato una nuova struttura della NWF, composta da yuan e oro. La quota massima della valuta cinese è fissata al 60%. La proporzione dell’oro, secondo il ministero, è stata approvata al 40%. Euro, yen e sterline sono esclusi dalle valute NWF. I saldi sui conti del National Welfare Fund in sterline e yen giapponesi presso la Banca di Russia sono stati azzerati. A causa di un rapporto di cooperazione amichevole e stabile con la Cina, la percentuale di yuan nelle riserve in Russia è aumentata nell’ultimo anno, quindi la nazione ha deciso di vendere yuan per dare il via alla riapertura del mercato forex.Tra il crollo della domanda europea e statunitense e le sanzioni occidentali, la Russia ha bisogno di stabilizzare i prezzi delle materie prime, assicurarsi le forniture e trovare partner energetici stabili. Lo yuan è l’opzione migliore per la Russia considerando la stabilità dello yuan e la crescente domanda di energia della Cina. Nei primi 11 mesi del 2022, il commercio Cina-Russia ha raggiunto i 172,41 miliardi di dollari, in aumento del 32% su base annua e superando già la cifra annuale di 146,87 miliardi di dollari nel 2021, secondo i dati doganali cinesi.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.