Principale Estero Il Venezuela cerca disperatamente di riavere il suo oro dalla Banca d’Inghilterra

Il Venezuela cerca disperatamente di riavere il suo oro dalla Banca d’Inghilterra

Venezuela

Il governo del Venezuela è stato impegnato in una disputa legale con la Banca d’Inghilterra per riprendere il controllo su asset auriferi per un valore di oltre 1,8 miliardi di dollari. Due consigli rivali del Banco Central de Venezuela – uno nominato da Maduro e un altro da Guaidó – stanno combattendo per ottenere il rilascio del metallo prezioso nei caveau della Banca d’Inghilterra. Sebbene il governo britannico riconosce Guaidó come presidente del Venezuela, la Banca d’Inghilterra si è rifiutata di consegnare le 31 tonnellate d’oro, circa le preoccupazioni che questo patrimonio torni sotto la tutela del governo Maduro, che considerano “illegittimo”. L’Assemblea Nazionale – ora in gran parte una forza simbolica a Caracas – venerdì ha votato a favore dello scioglimento del “governo ad interim” che dal 2019 ricopriva Juan Guaido. Guaidó si autoproclamò nel febbraio 2019 presidente ad interim non riconoscendo la vittoria elettorale del presidente Nicolás Maduro, fu appoggiato da una cinquantina di Paesi, fra cui Stati Uniti e quasi tutta l’Europa. Tuttavia Maduro è rimasto al potere con il sostegno di alcuni segmenti della popolazione, nonché di militari, Russia, Cina e Cuba.

Venezuela: preoccupazione per le tonnellate d’oro

Tre, dei quattro principali gruppi di opposizione – Justice First, Democratic Action e A New Era, hanno costituito una commissione di cinque membri che avrebbe il compito di salvaguardare e organizzare le proprietà e le società venezuelane all’estero. In particolare la raffineria statunitense Citgo, una sussidiaria della compagnia petrolifera statale società PDVSA. Mentre gli Stati Uniti hanno nuovamente insistito sul fatto che considerano illegittimo il governo del presidente Nicolás Maduro. La dichiarazione è arrivata pochi giorni dopo che l’opposizione venezuelana ha posto fine al governo ad interim di Juan Guaidó. L’amministrazione del presidente Joe Biden ha affermato che i beni del governo venezuelano negli Stati Uniti, in particolare della compagnia petrolifera statale, rimarranno legalmente sotto l’autorità dell’Assemblea nazionale guidata dall’opposizione, che è stata eletta nel 2015 che è l’unica istituzione democraticamente eletta in Venezuela. Nel 2019, il Venezuela ha tagliato i rapporti con gli Stati Uniti quando questi ultimi hanno iniziato a identificare il leader dell’opposizione Juan Guaido come presidente ad interim invece del rieletto Maduro. Washington ha preso di mira le imprese petrolifere e finanziarie del Venezuela e ha imposto sanzioni a Caracas. Tuttavia, i due Paesi hanno rinnovato la comunicazione nel marzo 2022, quando il presidente Joe Biden ha inviato una delegazione statunitense a Caracas. L’obiettivo era negoziare con il regime di Maduro sui problemi di approvvigionamento di petrolio durante la guerra in Ucraina, crisi energetica aggravata dalla rottura dei legami con la Russia, scambi di prigionieri. Mentre Maduro ha dichiarato che il suo governo è pronto a normalizzare i collegamenti diplomatici e politici con gli Stati Uniti. “Il Venezuela è pronto, pienamente pronto a compiere passi verso un processo di normalizzazione e regolamentazione delle relazioni diplomatiche, consolari e politiche con questo governo degli Stati Uniti e con il governo che potrebbe venire” 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.