Principale Economia & Finanza FMI: un terzo dell’economia globale sarà in recessione

FMI: un terzo dell’economia globale sarà in recessione

FMI

Il capo del Fondo monetario ha affermato che il 2023 sarà “più duro” rispetto all’anno precedente per un terzo del mondo, a causa del rallentamento delle economie di potenze globali come Stati Uniti, Europa e Cina. Ed ha esortato i responsabili politici globali a intraprendere un’azione concertata per evitare una “pericolosa nuova normalità”. Poiché i rischi di una recessione mondiale sono spinti sempre più in alto da ripetuti shock economici. In un discorso in vista delle riunioni annuali del fondo la prossima settimana, l’amministratore delegato del FMI ha affermato che è fondamentale “stabilizzare l’economia globale affrontando le sfide più immediate“, inclusa l’inflazione dilagante. Dopo essere entrati nel nuovo anno, gran parte del mondo potrebbe andare verso la recessione, ha avvertito Kristalina Georgieva. L’avvertimento del capo del FMI arriva in un momento in cui il mondo tenta di destreggiarsi tra la guerra Russia-Ucraina, l’inflazione e un’allarmante ondata di COVID-19 in Cina. La dichiarazione di Georgieva è stata sostenuta anche da Katrina Ell, economista presso Moody’s Analytics di Sydney. “Sebbene la nostra linea di base eviti una recessione globale nel prossimo anno, le probabilità sono sgradevolmente alte. L’Europa, tuttavia, non sfuggirà alla recessione e gli Stati Uniti sono sull’orlo“.

FMI: recessione globale

L’aumento dell’inflazione e l’aumento dei tassi di interesse ora minacciano di riverberarsi in tutto il mondo e soffocare le riprese nascenti. Georgieva ha sottolineato la necessità di politiche fiscali per aiutare i segmenti più vulnerabili della società, ma ha avvertito che gli sforzi devono essere mirati “con un’attenzione particolare alle famiglie a basso reddito”, per evitare di agire contro la corrente della politica monetaria. Ha messo in guardia dal fare affidamento su controlli dei prezzi che non sono convenienti né efficaci. La pandemia ha costretto molti Paesi ad assumere maggiori prestiti e ora molti stanno già affrontando o sono a rischio di crisi del debito a causa dell’aumento dei tassi di interesse. Ciò “aumenta il rischio di una crisi del debito in espansione” che potrebbe danneggiare ulteriormente la crescita globale. Per ridurre il rischio “i grandi creditori come la Cina e i creditori del settore privato hanno la responsabilità di agire“, ha affermato, chiedendo un’azione “più rapida e prevedibile” sulla ristrutturazione del debito. Tuttavia si ipotizza che la recessione avrà un impatto profondo sulla Cina a seguito dello smantellamento della sua politica zero-Covid di lunga data. Dopo il picco pandemico, la Cina ha registrato un forte calo della sua attività industriale, con il settore che si è ridotto per il terzo mese consecutivo al tasso più rapido in quasi tre anni. Georgieva ha affermato che la Cina, essendo la seconda economia più grande del mondo, quest’anno avrà un arresto del tasso di crescita globale, e sarebbe la prima volta in 40 anni che Pechino scende al di sotto della tendenza normale. Tuttavia la “frammentazione” dell’economia mondiale in blocchi politici concorrenti potrebbe far persistere l’inflazione. Se le tensioni geopolitiche inducono le aziende a spostare le loro catene di approvvigionamento, ad esempio fuori dalla Cina, la produzione potrebbe diventare meno efficiente e più costosa. E gli aumenti dei tassi della banca centrale non potrebbero fare molto al riguardo. “Se perdiamo i vantaggi di un’economia globale più integrata, saremmo tutti più poveri“, ha sottolineato.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.