Principale Estero Addio Qatar: hai ottenuto la coppa del mondo

Addio Qatar: hai ottenuto la coppa del mondo

Qatar

Addio dunque, Qatar 2022. Alla fine hai ottenuto ciò che volevi. Il minuscolo stato desertico, una penisola a forma di pollice, non desiderava altro che essere più conosciuto, essere un giocatore sulla scena mondiale. Quando nel 2009 lanciò quella che sembrava un’improbabile offerta per ospitare la Coppa del mondo di calcio maschile, il più popolare evento sportivo sulla Terra. Ospitare il torneo è costato più di quanto chiunque avrebbe potuto immaginare: in tesori, tempo, vite. E fino alla fine ha diviso le opinioni.

Addio Qatar 2022

Ma l’epilogo della finale di domenica, significa anche dire addio al formato a 32 squadre – in vigore dal 1998 – che lascerà il posto a un’espansione a 48 squadre in quattro anni, oltre a Lionel Messi e Cristiano Ronaldo, i due migliori giocatori degli ultimi 15 anni. La cui rivalità per la grandezza e 12 Palloni d’oro condivisi, hanno definito una generazione. Tuttavia, domenica sera, mentre i fuochi d’artificio riempivano il cielo sopra Lusail, mentre i tifosi argentini cantavano, e la loro stella, Lionel Messi, sorrideva mentre stringeva un trofeo che aveva aspettato una vita per toccare, tutti conoscevano il Qatar. Ma c’era un’altra cosa che doveva essere fatta. Dopo lo spettacolare epilogo: una finale da sogno tra Argentina e Francia, un primo titolo mondiale per Messi, il miglior giocatore del mondo, una partita pulsante che si è risolta dopo sei gol e un rigore, per dare l’impronta finale della nazione alla prima Coppa del Mondo in Medio Oriente, l’emiro del Qatar, lo sceicco Tamim bin Hamad al-Thani, ha tirato fuori un bisht con frange dorate, il mantello nero indossato nel Golfo per le occasioni speciali, e l’ha avvolto intorno alle spalle di Messi prima di consegnare il trofeo d’oro a 18 carati. La celebrazione ha posto fine a un decennio tumultuoso per un torneo assegnato in uno scandalo di corruzione, macchiato dalle denunce di violazioni dei diritti umani e dalle morti e lesioni subite dai lavoratori migranti assunti per costruire gli stadi per il Mondiale da 200 miliardi di dollari del Qatar. E oscurato da decisioni controverse su tutto. Dall’alcol ai bracciali. Eppure per un mese il Qatar è stato il centro del mondo. Realizzando un’impresa che nessuno dei suoi vicini nel mondo arabo era riuscito a realizzare. Un’impresa che a volte era sembrata impensabile negli anni trascorsi da quando l’ex presidente della FIFA Sepp Blatter aveva fatto lo straordinario annuncio all’interno di una sala conferenze di Zurigo il 2 dicembre 2010, che il Qatar avrebbe ospitato la Coppa del Mondo 2022.

Un torneo controverso

È improbabile che lo sport riveda presto un ospite così controverso. Il Qatar era forse tra gli ospiti più inadatti per un torneo delle dimensioni della Coppa del Mondo. Un Paese così privo di stadi, infrastrutture e storia che la sua offerta è stata etichettata come “ad alto rischio” dagli stessi valutatori della FIFA. Ma ha approfittato dell’unica merce che aveva in abbondanza: il denaro. Sostenuto da risorse finanziarie apparentemente senza fondo per alimentare le sue ambizioni, il Qatar ha intrapreso un progetto che richiedeva niente di meno che la costruzione, o la ricostruzione, dell’intero Paese al servizio di un torneo di calcio della durata di un mese. Quei miliardi sono stati spesi all’interno dei suoi confini. Sono stati costruiti sette nuovi stadi e altri importanti progetti infrastrutturali sono stati completati con enormi costi finanziari e umani. Ma quando ciò non bastava, ha speso generosamente anche al di fuori dei suoi confini, acquisendo squadre sportive e diritti sportivi per un valore di miliardi di dollari e assumendo star dello sport e celebrità per sostenere la sua causa. E tutto ciò che era in mostra domenica.  Quando la partita finale è stata giocata al Lusail Stadium da 1 miliardo di dollari, il Qatar non poteva perdere. Il gioco è stato trasmesso in tutto il Medio Oriente su beIN Sports, un colosso delle trasmissioni sportive istituito all’indomani della vittoria del Qatar dei diritti di hosting della Coppa del Mondo. Mbappé, che aveva segnato la prima tripletta in una finale in oltre mezzo secolo, ha concluso la partita seduto sull’erba, consolato dal presidente francese Emmanuel Macron, ospite invitato dell’emiro, mentre i giocatori dell’Argentina ballavano in festa tutt’intorno. La competizione ha prodotto trame avvincenti – e talvolta inquietanti – fin dall’inizio, con l’apertura intensamente politica all’Al Bayt Stadium.  Un enorme luogo progettato per assomigliare a una tenda beduina. Quella notte, l’emiro del Qatar si era seduto fianco a fianco con il principe ereditario Mohammed bin Salman, sovrano de facto dell’Arabia Saudita, meno di tre anni dopo che quest’ultimo aveva condotto un blocco punitivo del Qatar. Per mesi si discussero accordi e si fecero alleanze. La squadra del Qatar non è stata un fattore determinante per il suo debutto in Coppa del Mondo, ha perso tutte e tre le partite, uscendo dalla competizione con la peggiore prestazione di qualsiasi host nella storia della competizione. Ci sarebbero anche altre sfide, alcune delle stesse decisioni del Qatar, come un improvviso divieto di vendita di alcolici all’interno dei perimetri dello stadio solo due giorni prima della prima partita – una decisione dell’ultimo minuto che ha lasciato Budweiser, uno sponsor di lunga data della FIFA, a fumare a bordo campo. Nel secondo giorno del torneo, la FIFA ha stroncato una campagna di un gruppo di squadre europee per indossare una fascia da braccio per promuovere l’inclusività e poi il Qatar ha annullato gli sforzi dei tifosi iraniani per evidenziare le proteste in corso nel loro Paese. Ma sul campo, la concorrenza ha dato i suoi frutti. Ci sono stati grandi gol e grandi partite, incredibili sconvolgimenti e un’abbondanza di sorprendenti linee di punteggio che hanno creato nuovi eroi, in particolare nel mondo arabo. Alla fine del torneo, vestiti con strisce azzurre e bianche, rimbalzando e cantando per 120 minuti di gioco, e per molto tempo dopo – che nessuna quantità di ricchezza del Qatar potrebbe comprare, avevano ottenuto esattamente quello che volevano. La Coppa del Mondo. Così come il Qatar.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.