Principale Arte, Cultura & Società Altamura – Natale nel borgo Antico organizzato dall’Associazione CulturaIdentità

Altamura – Natale nel borgo Antico organizzato dall’Associazione CulturaIdentità

Natale nel centro storico con le zampognare garganiche REDAZIONE ALTAMURA - ALTA MURGIA

Immagine di coprtina

Domenica 18 dicembre 2022 ore 11.00

Concerto itinerante Mulieres Garganiche Zampognare in  Corso Federico II di Svevia-Claustri-Chiesa San Biagio

L’Associazione CulturaIdentità di Altamura fa sapere con un suo comunicato stampa che ha ideato, promosso ed organizzato ad Altamura – Natale nel Borgo antico – Corso Federico II di Svevia, Claustri, Chiesa San Biagio, domenica 18 dicembre 2022  ore 11.00, il concerto itinerante del gruppo musicale “Mulieres Garganiche Zampognare” (Tradizione e Solidarietà), con la collaborazione della Confraternita San Biagio di Altamura e patrocini della Diocesi di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti e della Fondazione Città Identitarie.

L’emozione del Natale diventa musica con il progetto “Suoni, Canti e Racconti dell’Antico Natale” ideato dalla dott.ssa Latiano Valentina musicista e ricercatrice delle antiche tradizioni del Gargano.

Questo progetto propone un racconto in musica che mette insieme esperienze del passato legate alle tradizioni del Natale.

Obiettivi: far emergere l’importanza delle antiche tradizioni legate alla festa del Natale; far conoscere la ricerca etno-musicale del gruppo delle Mulieres Garganiche Zampognare, volta alla ricerca e all’individualizzazione di strumenti tipici natalizi come la zampogna; mirare alla creazione di una storia del territorio che consenta di sviluppare strumenti per informare una memoria viva; delineare la memoria delle storie, la caratterizzazione delle attività legate al Natale; valorizzare canti e suoni della tradizione natalizia dove viene messo in risalto il ruolo della zampogna e gli abiti tipici della tradizione zampognara; proporre uno spettacolo di parole e musica, capace di unire la suggestione della parola raccontata con la capacità evocativa della musica; promuovere il Gargano come terra d’eccezione non solo nell’ambito della stessa Puglia, ma anche rispetto ad una generica narrazione sul Sud.

Il progetto culturale delle Mulieres Garganiche gruppo di tradizione popolare che nasce a San Giovanni Rotondo nel 2010 allo scopo di valorizzare il ruolo della donna nella tradizione popolare garganica come suonatrice, cantatrice e danzatrice con un percorso partorito da un’idea di Valentina Latiano, inclusa nell’albo nazionale dei suonatori di chitarra battente censiti in Italia istituito da Alfonso Toscano.

Le Mulieres Garganiche il 30 luglio 2017 hanno ricevuto il premio nazionale “La Zampogna è Donna” rilasciato dal comune di Scapoli (IS), per aver sapientemente recuperato il prezioso patrimonio ancestrale del Gargano esaltando il ruolo delle donne nella grande tradizione della musica popolare italiana.

Il 10 gennaio 2018 le Mulieres Garganiche sono state scelte come “Ambasciatrici della Tradizione popolare Garganica” presso il Parlamento Europeo di Bruxelles in occasione dell’Anno Europeo della Cultura nella manifestazione “La musica e le tradizioni popolari del Gargano”.

Si ringraziano S.E. Mons. Giovanni Ricchiuti Arcivescovo, la Curia della Diocesi di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti, Don Angelo Cianciotta parroco della Cattedrale.

L’Associazione nazionale CulturaIdentità che compie 5 anni, sul motto “Io ho quel che ho donato”, è presente ad Altamura, grazie ai soci volontari Antonia Massaro e Carlo Moramarco, e ad altri amici, ha lo scopo della valorizzazione, approfondimento, sensibilizzazione, promozione, diffusione e tutela della cultura italiana e dell’identità del popolo italiano, con particolare riferimento ai valori, alle radici, alle tradizioni, alla storia, alla società, al patrimonio storico, artistico, ambientale e culturale nazionali.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.