Principale Arte, Cultura & Società Sport & Motori Serie A, top e flop della 15ª giornata

Serie A, top e flop della 15ª giornata

Si chiude con l’undicesima vittoria consecutiva del Napoli il mini campionato pre-mondiale. Torna a vincere il Milan che si porta in solitaria al secondo posto, vittorie convincenti anche per Inter e Juventus.

Empoli – Cremonese 2-0

TOP: Nicolò Cambiaghi (voto 7,5)

Primo gol in Serie A per il talento ex-Pordenone. Spacca la partita dalla panchina segnando dopo pochi secondi dal suo ingresso. La corsa da centometrista che propizia il gol del 2-0 gli vale la palma di migliore in campo.

Menzione d’onore: Vicario, Carnesecchi.

FLOP: Emanuel Aiwu (voto 5)

Troppo mollo in occasione della rete del vantaggio di Cambiaghi.

Menzione di (dis)onore: Lammers.

Napoli – Udinese 3-2

TOP: Victor Osimhen (voto 7,5)

È il giocatore più determinante in Serie A in questo momento, un incubo per i difensori avversari. Anche nel black-out del Napoli rimane il trascinatore della squadra a livello tecnico e caratteriale.

Menzione d’onore: Elmas, Nestorvski.

FLOP: Jaka Bijol (voto 4,5)

Osimhen lo sovrasta nel gol dell’1-0 e lo porta a spasso sul secondo gol. Nella ripresa Elmas lo salta netto e mette in rete il terzo gol della gara.

Menzione di (dis)onore: Kim.

Sampdoria – Lecce 0-2

TOP: Lorenzo Colombo (voto 7,5)

Con il piccolo infortunio di Ceesay sta trovando sempre più continuità – terzo gol in campionato e un assist pregevole di tacco per il 2-0 di Banda.

Menzione d’onore: Hjulmand, Falcone.

FLOP: Gonzalo Villar (voto 4,5)

La testa conta molto nel calcio, la condizione psicologica della Samp – e in particolare di Villar – lo conferma. Errore grossolano che spiana la strada al Lecce in una partita importantissima.

Menzione di (dis)onore: Amione.

Bologna – Sassuolo 3-0

TOP: Marko Arnautovic (voto 7,5)

L’austriaco potrebbe essere titolare in squadre molto più blasonate – ha una potenza fisica e una raffinatezza difficili da trovare in un attaccante. Lega alla grande il gioco e torna al gol su azione dopo 2 mesi.

Menzione d’onore: Soriano, Ferguson.

FLOP: Kaan Ayhan (voto 5)

Soffre enormemente, insieme al compagno di reparto Ferrari, la fisicità e i movimenti di Arnautovic. Si fa tagliare fuori dall’attaccante austrico sul 2-0.

Menzione di (dis)onore: Ferrari, Traorè.

Atalanta – Inter 2-3

TOP: Edin Dzeko (voto 7,5)

Il cigno di Sarajevo è il vero trascinatore delle ultime due partite dell’Inter. Una doppietta pesantissima su un campo difficile che regala 3 punti importantissimi all’Inter.

Menzione d’onore: Lautaro.

FLOP: Stefan De Vrij (voto 5)

Altra partita deludente per il centrale olandese. Il fallo su Zapata per il rigore che porta in vantaggio la Dea è inutile, oltre ad essere un errore grossolano.

Menzione di (dis)onore: Hateboer, Maehle.

Roma – Torino

TOP: Paulo Dybala (voto 7)

È tornato il vero leader della Roma. In 20′ crea più occasioni che tutta la sua squadra nelle scorse partite – conquista il rigore fallito da Belotti, da un suo tiro a giro sulla traversa scaturisce il gol del pareggio.

Menzione d’onore: Matic, Linetty.

FLOP: Tammy Abraham (voto 4,5)

La non convocazione da parte di Southgate per i mondiali pesa, ma è dettata dalle numerose partite come questa nell’arco di questo inizio di stagione. Lento, impacciato e senza quella furia agonistica che lo contraddistingue.

Menzione di (dis)onore: Djidji.

Monza – Salernitana 3-0

TOP: Dany Mota Carvalho (voto 8)

Che qualità ha questo portoghese! Partita superba dell’attaccante brianzolo che mette la firma in tutti i gol del Monza – gol, assist e rigore procurato.

Menzione d’onore: Carlos Augusto, Pessina.

FLOP: Antonio Candreva (voto 4,5)

Decisamente non una grande giornata per Candreva. Entra al 60′ e in poco meno di 15′ riceve due gialli – il secondo regala il rigore traformato poi da Pessina.

Menzione di (dis)onore: Daniliuc, Bronn.

Verona – Spezia 1-2

TOP: Mbala Nzola (voto 8)

Sceglie la partita perfetta per siglare i suoi primi gol fuori casa, il sesto e il settimo di questo campionato. Bellissimo lo stacco aereo sul gol dell’1-2 finale.

Menzione d’onore: Montipò.

FLOP: Federico Ceccherini (voto 5)

L’errore davanti a Zoet che poteva pareggiare i conti e dare una speranza al Verona nel finale è pesante.

Menzione di (dis)onore: Veloso, Tameze.

Milan – Fiorentina 2-1

TOP: Fikayo Tomori (voto 7)

Due interventi su Ikonè che valgono come un gol.

Menzione d’onore: Leao, Ikonè.

FLOP: Nikola Milenkovic (voto 5)

Colpevole sul gol del vantaggio del Milan, sfortunato sull’autogol che regala la vittoria ai rossoneri nei minuti di recupero.

Menzione di (dis)onore: Terracciano, Thiaw.

Juventus – Lazio 3-0

TOP: Moise Kean (voto 7,5)

Con l’assenza di Vlahovic è lui a caricarsi la squadra sulle spalle e a decidere le partite. Sul primo gol sfrutta l’assist di Rabiot e batte Provedel con un pallonetto delizioso, sul secondo sfrutta l’errore del portiere biancoceleste e segna da pochi passi.

Menzione d’onore: Rabiot, Milik.

FLOP: Sergej Milinkovic-Savic (voto 5)

Perde ai punti lo scontro in mezzo al campo con Rabiot. Colpevole della palla persa in occasione del vantaggio bianconero. Tanti errori tecnici nel resto della gara.

Menzione di (dis)onore: Provedel.

Photo credits: eurosport.it

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.