Principale Estero La nazionale iraniana di Beach Soccer non canta l’inno ed esulta mimando...

La nazionale iraniana di Beach Soccer non canta l’inno ed esulta mimando il taglio dei capelli

È accaduto nella finale di un torneo a Dubai vinta contro il Brasile. La tv di Stato ha oscurato la diretta e ora la federazione minaccia sanzioni contro i calciatori

 

© GIUSEPPE CACACE / AFP
– La nazionale iraniana di Beach Soccer

 

AGI – Uno degli eventi sportivi più attesi dell’anno in Iran, la finale della Emirates Intercontinental Cup di Beach Soccer tra la nazionale iraniana e il Brasile, si è trasformato in una clamorosa piattaforma per il dissenso contro gli Ayatollah.

A Dubai, infatti, i calciatori della nazionale di calcio su sabbia, numero due del ranking mondiale, si sono prima rifiutati di cantare l’inno nazionale, poi uno di loro, Saeed Piramoon, ha esultato dopo un gol mimando il gesto di tagliarsi una ciocca di capelli, chiaro segno solidarietà alla rivolta divampata in patria dopo la morte di Mahsa Amini.

L’Iran ha battuto il Brasile 2 a 1 e si è aggiudicato il trofeo per la quarta volta. Da Teheran, però, le reazioni non hanno tardato ad arrivare.

La tv di Stato ha interrotto la diretta dopo gli inni e il comitato di Beach soccer della Federcalcio iraniana ha fatto sapere che chi ha tenuto comportamenti politici in campo subirà le conseguenze previste dai regolamenti.

Alla cerimonia di premiazione i giocatori iraniani hanno alzato in silenzio il trofeo con volti cupi, senza alcuna esultanza.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.