Principale Politica Di Maio lascia M5s: “Uno non vale l’altro”

Di Maio lascia M5s: “Uno non vale l’altro”

“Dovevamo scegliere da che parte stare della storia. Nasce un nuovo gruppo parlamentare. Già una sessantina i firmatari di “Insieme per il futuro”. M5s: “Restiamo al governo”

di Bruno Alberti

© Agf –

AGI – Nel lungo film di questa ennesima giornata particolare per governo e maggioranza spicca la sequenza delle 14, quando, raccontano, la riunione di maggioranza si è aggiornata a dopo le comunicazioni di Draghi, per avere tempo di trovare un accordo sulla risoluzione. Lì si sarebbe sfiorato sul serio lo strappo.

Sospetti incrociati su chi volesse spingere chi all’uscita dal governo, poi la ricomposizione, grazie al lavoro dei pontieri, con la formula dell’ampio coinvolgimento delle Camere “in occasione anche dei più rilevanti summit internazionali riguardanti la guerra in Ucraina e le misure di sostegno alle istituzioni ucraine, ivi comprese le cessioni di forniture militari”.

Niente strappo, ma c’è la scissione M5s, però.

Il premier potrà presentarsi al Consiglio europeo, al G7 e al vertice Nato con il via libera del Parlamento al sostegno all’Ucraina ma ora fari puntati sui prossimi provvedimenti dell’esecutivo per fare fronte alle conseguenze economiche del prolungamento del conflitto, con fibrillazioni destinate ad aumentare dopo la rottura tra i pentastellati.

Preoccupato per la stabilità della maggioranza? “Vediamo”, si è limitato a rispondere Mario Draghi, che in Aula a Palazzo Madama ha avuto al suo fianco proprio il titolare della Farnesina: un messaggio preciso, dicono alcuni, per sottolineare che ogni mossa era nota al premier.

Ad ogni modo, il divorzio tra Conte e Di Maio pone degli interrogativi anche negli altri partiti

Enrico Letta ha spiegato di voler parlare con entrambi ma cresce il fronte nel Pd di chi vorrebbe avere come interlocutore il ministro degli Esteri e non l’ex presidente del Consiglio. Renzi non esclude che il segretario Pd dia vita a un’operazione ‘stile Ulivo’.

Anche nel centrodestra si assiste con interesse alla scissione M5s che peraltro assegna maggiore potere contrattuale alla Lega, che beneficia dell’upgrade a partito di maggioranza con i gruppi parlamentari più consistenti.

Nessun commento dal Colle, ma si registra come l’esecutivo ha incassato un forte sostegno del Senato e, salvo sorprese, altrettanto succederà alla Camera.

Non sfugge, ai radar del Quirinale, che una scissione potrebbe creare onde che finirebbero per lambire il governo ma se tutte le forze di maggioranza continueranno a sostenere i provvedimenti dell’esecutivo, senza mettere in mora la presenza di questo o quel ministro, potrebbe non esserci nessuna ripercussione sulla tenuta di Palazzo Chigi.

Tema, questo, sollevato da Bloomberg, una delle principali agenzie a cui fanno riferimento i mercati, che scriveva “Conte starebbe pensando di uscire dalla coalizione che sostiene il governo italiano”.

È vero, notava ancora Bloomberg, che “la scissione nel M5s molto probabilmente lascerebbe a Draghi la maggioranza in entrambe le Camere” tuttavia “gli renderebbe più difficile portare a termine i suoi piani per rimettere in sesto l’economia”.

Scenari che M5s “smentisce categoricamente”, rivendicando di avere “lavorato sino all’ultimo minuto, nell’interesse di tutti i cittadini”.

“Il costante impegno che abbiamo dedicato a elaborare la risoluzione – si afferma ancora – è la smentita più forte alle voci di una nostra uscita dal governo, che in queste ore sta malevolmente circolando”. Se ne riparla da domani.

L’ultima sequenza della giornata riporta i riflettori su Luigi Di Maio, che ufficializza lo strappo – 50 deputati e 11 senatori, questo il ‘fixing’, al momento, per i gruppi di Insieme per il futuro – e dice addio al Movimento. “Mi sono interrogato a lungo sul percorso che il M5s ha deciso di intraprendere, un percorso che guarda al passato. Ci siamo ancorati a vecchi modelli. Era necessario aprirsi al confronto – spiega – Voglio dire grazie al M5s per tutto quello che ha fatto per me, sono anche convinto di aver ricambiato dando il massimo per il Movimento in tutti questi anni. Sono stati anni intensi, ricchi di emozioni, successi ma anche grandi sofferenze e quella di oggi è una scelta sofferta che non avrei mai immaginato di fare“.

“Oggi io e tanti colleghi e amici lasciamo il M5s, quella che da domani – sottolinea facendo appunto riferimento alla consistenza dei gruppi parlamentari – non sarà più la prima forza politica in Parlamento”.

“Da oggi inizia un nuovo percorso, con persone che hanno scelto di guardare al futuro. Abbiamo bisogno di aggregare le migliori capacità e talenti di questo Paese perché’ uno non vale l’altro”. È la negazione del ‘mantra’ M5s. È davvero l’addio.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.