Principale Arte, Cultura & Società Taranto – Sant’Egidio, festeggiamenti invernali al Borgo e al Tramontone

Taranto – Sant’Egidio, festeggiamenti invernali al Borgo e al Tramontone

Sant’Egidio, festeggiamenti invernali al Borgo e al Tramontone.

Il programma delle celebrazioni a San Pasquale e al Tramontone.

Appuntamento con i festeggiamenti invernali in onore di sant’Egidio Maria da Taranto, che culmineranno lunedì 7, giorno della sua nascita al Cielo, avvenuta nel 1812. Frate Egidio (al secolo Francesco Antonio Domenico Pasquale Pontillo) nacque al pendio La Riccia il 16 novembre del 1729. A 23 anni egli entrò nel convento di San Pasquale, curando con grande responsabilità il giardino conventuale che si estendeva fino alle sponde di Mar Piccolo. Dopo una serie di tappe approdò al convento di San Pasquale a Chiaia, a Napoli.

Egidio fu uomo di pace, di conforto e di carità. Molti lo definiscono anche il santo dell’ascolto perchè offriva volentieri la sua compassione alla gente, a qualunque ceto appartenesse. Il suo esempio si impone anche ai giorni nostri, dove dilaga un individualismo che genera solitudine, aggravato dalla perdurante pandemia, per la cui cessazione si chiederà fortemente l’intercessione del santo, che (ne siamo certi) non mancherà sicuramente.

Ecco il programma delle celebrazioni nelle parrocchie di San Pasquale e in quella intitolata al santo, a Tramontone-Lama.

Chiesa San Pasquale Baylon

Nella parrocchia di San Pasquale Baylon, al Borgo, i festeggiamenti iniziano stasera, sabato 29, alle ore 18.30, con l’intronizzazione della statua, alla presenza della confraternita intitolata al santo e con l’accompagnamento della banda musicale “L. Colizzi” di Pulsano. Quindi, ogni sera, alle ore 18 il santo rosario e alle ore 18.30 la celebrazione eucaristica che saranno presiedute: lunedì 31 da mons. Giovanni Chiloiro con la comunità parrocchiale del Cuore Immacolato di Maria; martedì 1 febbraio da don Cristian Catacchio, cappellano dell’ospedale del SS. Annunziata; mercoledì 2, da don Lucangelo De Cantis con la comunità parrocchiale e la confraternita di Sant’Egidio; giovedì 3, da padre Rocco Mazza (Imc) e a seguire, alle ore 19.30, l’incontro su “La missione evangelizzatrice della Chiesa nella trasformazione del mondo e nella custodia del Creato”; venerdì 4, da don Luigi Pellegrino con la comunità parrocchiale della Regina Pacis; sabato 5, da padre Nicola Preziuso con la comunità parrocchiale di Gesù Divin Lavoratore; domenica 6, da padre Adolfo Marmorino con la comunità parrocchiale di San Francesco” di Castellaneta; lunedì 7, solennità di Sant’Egidio, dal vicario generale mons. Alessandro Greco; al termine, momento musicale offerto dal complesso bandistico “Città di Crispiano”.

Chiesa di Sant’Egidio

La festa di Sant’Egidio verrà celebrata anche nella parrocchia a lui intitolata, al quartiere Tramontone. S’inizierà venerdì 4 febbraio, ma nella basilica cattedrale, alle ore 18, con la santa messa animata dalla confraternita di Sant’Egidio nell’anno giubilare per il 90° anniversario del ritrovamento del corpo del Patrono San Cataldo. Sabato 5 i volontari dell’istituto alberghiero “Mediterraneo” prepareranno 450 pasti per le famiglie bisognose del quartiere i cui sacchetti saranno distribuiti dai volontari della parrocchia nei vari condomini; alle ore 18, santa messa animata dai ragazzi della tappa battesimale; alle ore 19.30, serata animata dal gruppo “Gio.i.a”.

Domenica 6, sante messe alle ore 8 e 9.30; la celebrazione delle ore 11 sarà animata di ragazzi della tappa penitenziale eucaristica; alle ore 19.30 (dopo la santa messa delle ore 18) “Egidio, il saio profumato di carità”, riflessioni e canti a cura del coro parrocchiale.

Lunedì 7, festa liturgica del santo, dopo la santa messa delle ore 8 ci sarà l’adorazione eucaristica; alle ore 11.15 il rosario sarà animato dalla confraternita; a mezzogiorno, supplica a Sant’Egidio; dalle ore 16, adorazione eucaristica; alle ore 18, santa messa animata dai ragazzi della tappa crismale/mistagogica; alle ore 19.30, catechesi comunitaria guidata da Giuseppe Grasso sul tema “Laici: impegno nella vita ecclesiale”.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania 

Corriere Nazionale

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.