Home Cultura & Società La Giornata Mondiale del Volontariato a Matera

La Giornata Mondiale del Volontariato a Matera

Voluta dall’Onu 35 anni fa, la ricorrenza quest’anno è dedicata a chi si è impegnato nei momenti più difficili della pandemia.

Il comune di Matera è da sempre in prima linea sul fronte del volontariato, incentivando e aiutando le varie associazioni presenti sul territorio e tutte le iniziative di sostegno e aiuto che vengono frequentemente organizzate nell’ambito comunale e non solo.

Per ricordare l’importanza di questa giornata l’ associazione ”Volontari Open Culture 2019” ha assistito con una rappresentanza alla gara calcistica Matera Grumentum – Senise nel giorno in cui tutto il mondo celebra il volontariato, ricordando le  persone che dedicano una parte del loro tempo per gli altri, volendo far arrivare un  abbraccio virtuale e un  sentito ringraziamento a tutti quelli che lo fanno.

Matera da sempre ha una tradizione di volontariato e di aiuto al prossimo che è giunta fino ai giorni nostri e che ha trovato in questa pandemia un tragico aumento nella richiesta di intervento, che non è mai mancato, un esempio la Caritas Matera-Irsina sempre vicina e dedita a favore di operazioni di solidarietà importanti per i tanti cittadini che in questo momento si trovano in difficoltà anche per mangiare dando un segno tangibile della solidarietà verso le fasce più deboli della popolazione più colpite dalle difficoltà economiche, donando  il volto della speranza e della gioia per accogliere il Cristo che fa visita nei poveri  e in chiunque si trova in stato di bisogno.

Anche in questi giorni le iniziative si stanno susseguendo e si cerca sempre di dare un  continuo contributo. La capitale europea del volontariato per il  2021 è Berlino, quella del prossimo anno è Danzica in Polonia.

Grazie a tutti quelli che fanno volontariato, ognuno secondo le proprie possibilità, con l’ invito rivolto ai giovani a valutare la possibilità di dedicare il proprio tempo anche agli altri, a chi ha bisogno. Molti già lo fanno, tanti lo potrebbero fare.

È una grande occasione per i volontari ritornare ad incontrare la cittadinanza e raccontare quelle opere e quelle attività che continuano ad avere ricadute così importanti sulle nostre piccole e grandi realtà territoriali.

I volontari, infatti, primi fra tutti vogliono essere parte attiva della società per dare attualità alla gratuità, alla solidarietà e alla sussidiarietà, non solo, ma con le loro testimonianze vogliono incoraggiare ogni persona a riconoscersi come strumento di partecipazione civica.

Antonello Liuzzi

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui