Home Cultura & Società Matera, un Museo internazionale di fotografia nei Rioni Sassi

Matera, un Museo internazionale di fotografia nei Rioni Sassi

Matera, un Museo internazionale di fotografia nei Rioni Sassi

Nino Sangerardi

“ Istituzione del Museo internazionale di fotografia nei Rioni Sassi di Matera “. E’ l’oggetto dell’ emendamento alla Legge di Bilancio dello Stato, anno 2022, presentato dal senatore Saverio De Bonis ( Gruppo Misto ) .

“Un Museo—rileva De Bonis—a sostegno e tutela dell’inimitabile e esclusivo patrimonio fotografico con al centro i Rioni Sassi e la Lucania, presidio e strumento di divulgazione  della fotografia. Una struttura da realizzare possibilmente nel capiente e significativo vicinato che si trova in via Purgatorio Vecchio nel Sasso Caveoso, fotografato nel 1952 da Henri Cartier Bresson, riconducibile al Comune di Matera e, purtroppo, a tutt’oggi dicembre 2021 in grave stato di degrado e abbandono : dunque recuperabile come edificio culturale di qualità, punto di riferimento mondiale per fotografi,studiosi, viaggiatori,studenti nonché lustro della città di Matera capitale europea della cultura “

Finalità del Museo, in collaborazione con la Foundation Henri Cartier Bresson Rues Des Archives Paris,  raccogliere tra l’altro il patrimonio di immagini scattate dai numerosi fotografi   ,  nel corso degli anni 1948-1973, sulla Basilicata-Lucania e in particolare sulla Città rupestre unica al mondo : i Rioni Sassi . Un archivio di grande valenza storica e culturale creato da fotografi italiani,francesi,americani,polacchi, australiani del calibro di Luchino Visconti,Mario Carbone, Fosco Maraini,Arturo Zavattini,Federico Patellani,Henri Cartier Bresson,Ernst Haas, David Seymour, Esther Bubbley, Dan Weiner,Eliot Erwit, Marjori Collins, eccetera.

Compiti del Museum :

  1. costituire una mostra fotografica permanente attraverso l’esposizione delle fotografie prodotte dai grandi fotografi che giungevano in terra lucana attratti da importanti libri, come “Cristo si è fermato a Eboli “ di Carlo Levi nel 1949, e la notevole creatività e instancabile impegno di Adriano Olivetti per Matera (Borgo La Martella, UNRRA- CASAS e INU di cui diventa presidente dal 1950 al 1960 ) ;
  1. promuovere e organizzare attività di carattere didattico,incontri,convegni, mostre permanenti e temporanee , proiezioni di films e spettacoli su temi inerenti opere fotografiche e protagonisti eccellenti della fotografia
  1. organizzare manifestazioni finalizzate all’erogazione di borse di studio e assegnazione di riconoscimenti , nazionali e internazionali, a quanti si siano particolarmente distinti nel contribuire alla divulgazione della realtà lucana dell’epoca sino ai giorni contemporanei.

La modifica di Legge proposta dal senatore De Bonis autorizza “ la spesa di 500.000 euro per l’anno 2022 per la realizzazione della sede del Museo, la spesa di 300.000 euro annui a decorrere dall’anno 2023 per le spese di funzionamento del Museo “ .

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui