Home Cultura & Società L’editoria a Ferrara nel 2021

L’editoria a Ferrara nel 2021

di Roby Guerra

Certamente spicca la Nave di  Teseo della bravissima (e in precedenza art director della Bompiani) Elisabetta Sgarbi, sorella, come noto, del vulcanico e sempre fuori dal coro Vittorio, ferraresi.

Ma lateralmente e solo eBook, dal 2018 è  singolarmente  emersa Tiemme Digitali o TED, dello scrittore , giornalista, editore Riccardo Roversi (per molti anni, dapprima,  artefice della Casa Editrice essenzialmente locale Este Edition).

In pochissimi anni, con un target , mirato, pochissimi autori contemporanei, sui Classici, moderni e del futuro anteriore, è tra gli Editor on line  nazionali che vende di più, in Italia e anche all’estero,  magari con la fantascientifica Kipple.. e poche altre.

Ad esempio recente, versioni anche attualizzate di Giulio Verne e Pirandello e tanti altri classici, anche libri perduti nell’oblio e rilanciati in primo piano, nel potente supporto del Web e delle Librerie Store internazionali, grazie alla piattaforma Street Lib.

Il ché alcune considerazioni:  l’Italia resta da anni sempre fanalino di coda nelle vendite di eBook, sorprendente sia sul piano commerciale che socioletterario, l’emersione ai vertici di un Editor on line… che ha evidentemente captato bi-sogni dei lettori clienti e fruitori culturali  forse insospettati.

Attraverso, l’eBook un medium insolito forse, versioni “compresse” di Libri classici quasi geneticamente cartacei, il mito dei caratteri tipografici, delle pagine da sfogliare con squisita lentezza, il profumo dei volumi, arduo da superare e non ancora digitalizzabili:

forse un medium, in generale che comincia comunque a soddisfare, vista la qualità “tradizionale” dei titoli in catalogo, la non facile sintesi tra mondo virtuale anche invasivo e oppressivo e l’arcobaleno della cosiddetta conoscenza ormai elitaria e sempre più perduta dalle nuove generazioni.

Infine si rivela una peculiarità, oggi tristemente storica proprio editoriale: Roversi nacque ed è tutt’ora scrittore neolirico e anche sperimentale, persino elettronico virtuoso (ricordiamo il suo poemetto del 2000 circa Periplo di Millennio), tra i più importanti da Ferrara (e se non mediaticamente, certamente sul piano qualitativo: e già da Futurismo Oggi da giovane ,  un giro nel web e numerosi articoli e interviste, in magazine italiani   es.

https://www.ferraraitalia.it/bordo-pagina-il-futuro-3-0-a-ferrara-tiemme-edizioni-intervista-al-curatore-riccardo-roversi-135569.html ) e https://www.luukmagazine.com/riccardo-roversi-poesia-nellera-informatica/

 

L’archetipo dello Scrittore,  è  quindi il suo imprinting editoriale, oggi ben diverso dall’andazzo dominante anche ai vertici dell’editoria nazionale (di cui spesso sono misterici persino i criteri qualitativi di scelte editoriali), da tempo basata infatti su criteri meramente commerciali e consumistici, ideologici..,  anche volgari (gli Einaudi, gli Armando.., i Prezzolini, i Calasso, gli Eco preistoria ormai). Bellissimo e minimalista infine il sito di Tiemme Digitali, https://ted.onweb.it/it :

….Ricco di immagini  e cover splendide degli eBook editi, anche in movimento e indicazioni precise sinottiche e librerie store di vendita (Amazon per i Kindle, oltre alle versioni ePub):

Arte, letteratura, documenti, ecc, e il catalogo sempre gratuitamente scaricabile (dal 2018 circa 500 eBook!) Si parla tanto, attualmente e anche a sproposito e poco realistico, della Cultura come rinascita psicologica nell’era purtroppo del virus.

E se è vero che per gli ebook più evoluti previsti anni fa (ma ancora non esistenti), formati e troppo e reader, siamo in ritardo, veri e propri libri elettronici in download predefiniti e in divenire… a seconda delle opzioni e in tempo reale) è certamente un segnale interessante, l’emersione di case editrici eBook che funzionano, pur nelle contraddizioni e i limiti tecnici dei supporti attuali (ebook anche tattili e olfattivi si prevede).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui