Sono del PD

Sono del PD

Di Gabriele la Brianzola

Draghi ha parlato di diritti umani contro la destra xenofoba…ma quali diritti se poi in massa vengono espulsi…non è giusto farli arrivare meglio dire subito porti chiusi sono del PD. La belva che bisogna domare…si parla di diritti umani, ma allora non dire:” Venite pure: porti aperti e poi rimpatri in massa” …poi si dice destra xenofoba…sono del PD.È l’opinione pubblica la belva da domare, cioè colei che necessita di essere tranquillizzata a proposito di fatti che non voglia odiare, mentre necessita di essere aizzata a proposito di fatti che vuole odiare, come a dire che il tutto andava comunque drammatizzato. È sempre lei che tratta l’argomento della diversità umana, criticando tutto, ma anche capace di sostenere l’unità degli esseri senzienti, appoggiare l’irrilevanza delle differenze morali e intellettuali, senza cambiare la geometria mentale che descrive l’ordine convertendolo anche in uno schema che potrebbe promuovere il razzismo convenzionale.Parlando con donne arabe sono venuta a conoscenza che molte di loro avevano abortito, ossia quella famosa interruzione volontaria della gravidanza di quegli esseri innocenti creati dal mero desiderio, ma di non volerli accettare (ma questo vale per tutti).Di tutti quegli uomini che vengono in Italia, dove sono le loro mogli e i loro figli? Molti si risposano.Certo che di fronte a certi argomenti le parole sono pietre, suscitano consensi, facendoli sedimentare fino a farne parte di un modello culturale inevitabilmente destinato a influenzare le nuove generazioni.Tutti invochiamo il vangelo che dice guai ai potenti che non accolgono…ma il vaticano non è potente?Come sarebbe bello se il Santo Padre Francesco aprisse uno dei suoi alberghi tanto per dare il buon esempio, da allora tutti lo farebbero.Tutti sono pronti per l’accoglienza, ma nessuno mette mano al portafoglio.Quanti migranti in strada a chiedere la carità.Le statistiche dicono che ci sono 10000 migranti che soffrono di varie patologie perché dormono per strada.Quindi ci sono emergenze che devono essere fronteggiate…non sbattere migranti su navi quarantena che poi vengono rimpatriati o allontanati…espulsi…meglio chiarire da subito di non venire.Non con spirito politico, dove il degrado culturale a volte raggiunge il massimo grado, ma per aiutare bisogna essere chiari, necessariamente polemici e mettere mano ai soldi.Certamente la crisi economica in Italia può provocare ricadute sulla convivenza e far sorgere la tentazione di chiusure di esclusione.Non si vorrebbe pensare alle spinte xenofobe che si vedono emergere in alcuni movimenti, ma esiste l’antagonismo, odi incomprensibili, pregiudizi da debellare, anche dovuti al comportamento selvaggio di certe persone… non sono state educate…Da parte di tutti si spera nella costruzione e integrazione senza evitare che essi piombino nella disintegrazione e nella disgregazione, ma sarebbe opportuno che i popoli venissero aiutati nei loro luoghi, evitando masse di disgraziati che cercano un approdo migliore.Tutto questo chiaramente deve essere sempre tenuto sotto controllo, altrimenti le fondamenta del magnifico edificio della civiltà verrà eroso.La Lamorgese doveva dire da subito ai tunisini di non venire…allora è lei la xenofoba che non rispetta i diritti umani…amici migranti protestano per espulsioni. Falso buonismo.Uno potrebbe dire belle parole, ma scrivendo cerco di cannibalizzare (computare) l’esistenza umana, anche se si cerca di evitare di cadere nella noia scrivendo sempre le stesse cose, postulando su quella o quell’altra politica o su determinate persone, non ho mai tollerato il falso buonismo… poi noi del PD diciamo che siamo “umani alla faccia” …porti aperti e poi espulsioni, meglio dire subito di no ai porti aperti per tunisini…

ciao la brianzola


Antonio Peragine

Antonio Peragine