Il Bari tra ritiro e mercato

Sport & Motori

Il Bari è da ieri sera a Cascia dove stamattina inizierà la preparazione che sarà off limit a causa dei protocolli rigidi previsti. Nessuno potrà avvicinarsi alla truppa, tifosi, curiosi, niente selfie, né foto nemmeno noi della stampa potremo avvicinarci. Solo Telebari potrà avere proporre qualche intervista e curiosità.

Mercato. Dunque, sarebbero quattro i profili cui il Bari sta dando la caccia. Le prime “mosse” dello scacchiere di Auteri cominciano a muoversi.

Il giocatore più vicino è Cristian Andreoni, terzino destro proveniente dall’Ascoli in scadenza di contratto ad agosto. Il Bari è praticamente vicinissimo a lui, si dovrebbe attende solo l’ufficialità. A destra, come terzini, il Bari ha solo Berra che, forse, non è sufficiente per coprire quel ruolo anche perché lo scorso campionato ha un po’ deluso le aspettative nonostante abbia avuto le sue opportunità, infatti nelle prime giornate ha giocato da titolare. Tra l’altro, a Berra è interessato il Pordenone che già lo ha cercato la scorsa estate, e l’idea di giocare in una B persa il mese scorso, farebbe gola al giocatore facendo sì che il trasferimento sia concretizzi. Ma la possibilità che Berra vada a Pordenone è solo una ipotesi.

Poi ci sarebbe, come è noto, Leonardo Candellone, attaccante del Torino ma che ha giocato negli ultimi due campionati a Pordenone. Nel primo contribuendo con 14 gol alla promozione storica in B della squadra friulana, e nel secondo mettendo a segno solo due gol. 22 anni, 1,87 di altezza, parte come attaccante centrale ma spesso ha giocato a sinistra come ala, dunque per il gioco di Auteri dovrebbe essere un acquisto utile. Il suo trasferimento a Bari sembra più vicino rispetto a ieri ed un suo eventuale trasferimento a Bari avverrebbe a carattere definitivo con quattro anni di contratto in quanto giovane e di prospettiva.

Poi c’è Carlo De Risio, centrocampista tutto fare, abile nel possesso palla e soprattutto nel dettare i tempi di gioco, in particolare quelli in profondità quando c’è da passare la palla agli attaccanti, ed infine Daniele Cilento, difensore sempre del Catanzaro, due profili molto cari ad Auteri. Ma la stessa società calabrese vorrebbe in contropartita Ciofani e lo stesso Berra.

Kupisz dovrebbe essere il primo deputato a partire. La Salernitana è molto vicina a lui.

Sono in cottura altri nomi, uno per irrobustire il terzetto difensivo perché ce ne vorrà almeno uno in più (Gianmarco Ingrosso del Pisa è uno dei probabili), uno-due per il centrocampo, e due ali, una destra, l’altra sinistra, ruoli, questi, decisamente scoperti (nonostante Neglia che non ha la conferma garantita) e che sono vangelo per il modulo di Auteri. Ma prima bisogna sfoltire la rosa che si è andata ad infoltire con il ritorno di alcuni giocatori provenienti dai prestiti dello scorso anno.