I WakeUp Gospel Project a Taranto per i Cavalieri Costantiniani e Templari

Eventi, Musica & Spettacoli

Il tour dei WakeUp Gospel Project continua con successo, questa volta tocca alla Chiesa del Sacro Cuore di Taranto, il cui parroco è don Luigi Larizza, sabato 18 gennaio alle ore 19 e 30.

Giuseppe Maria Riccardo Montalto come Cavaliere Costantiniano e Templare ha organizzato la serata di beneficenza, per le famiglie bisognose della parrocchia, con il patrocinio e la collaborazione delle sezioni di Taranto dell’U.N.U.C.I. (Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia) e dell’A.N.M.I. (Associazione Nazionale Marinai D’Italia).

L’invito viene dai Cavalieri Costantiniani di San Giorgio e Santo Stefano del Capitanato di Puglia  e dai Cavalieri Templari Commenda Apulia Archangelus Michael O.S.M.T.J.

L’Epifania è passata, ma il tempo della beneficenza per i Cavalieri Costantiniani e Templari, non è mai passato e sin dalle loro origini.

Secondo la tradizione, l’istituzione del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio risalirebbe all’Imperatore Costantino il Grande, al quale apparve la Croce luminosa con la leggenda “In Hoc Signo Vinces”. L’Ordine fu dedicato a San Giorgio soldato della Cappadocia martirizzato al tempo dell’Imperatore Diocleziano, fu posto sotto la Regola di San Basilio e fu approvato dal Papa San Leone Magno.

Oltre ai principi cristiani, l’Ordine, si propose anche di dare il suo maggior contributo di azione e attività alle opere eminentemente sociali dell’Assistenza Ospedaliera e della Beneficenza.

Lo stesso dicasi dei Cavalieri Templari Commenda Apulia Archangelus Michael O.S.M.T.J. che hanno avuto una storia più travagliata e quindi più lunga da raccontare.

In sintesi, questo Ordine risale ai Cavalieri Templari della Prima Crociata. Nel 1103, nove cavalieri, decisero di recarsi presso Re Baldovino a cui porsero le condoglianze per la morte di Goffredo di Buglione. In tale occasione promisero di abbandonare ogni ricchezza e offrire le loro spade alla protezione dei pellegrini che si recavano in Terrasanta.

Nel 1118 il Re di Gerusalemme Baldovino II ammirando le scelte di questi nobili che il popolo chiamava i “Poveri Cavalieri di Cristo” donò loro una vecchia dimora che sorgeva in prossimità del Tempio di Salomone. Da questa vicinanza nacque il titolo di “Ordine del Tempio” e i suoi cavalieri da allora furono chiamati “Templari”. Con il trascorrere degli anni arrivò anche il riconoscimento ufficiale della Chiesa di Roma con la dipendenza diretta dal Pontefice.

L’Associazione Culturale senza Scopo di Lucro e l’Ordine del Tempio O.S.M.T.J. è attualmente la continuazione dell’Ordre du Temple. E’ regolarmente registrata presso lo Stato Italiano e Svizzero.

L’Ordine è all’interno dell’Associazione come anche il Corpo Volontari Assistenza Civile C.I.V.A.C. L’Associazione, senza scopo di lucro, si occupa, principalmente, di Beneficenza Nazionale ed Internazionale con interventi rivolti sia alle singole persone che ai Beni Culturali di un certo rilievo. Pratica opere di carità cristiana nei confronti dei meno abbienti e dei meno fortunati giungendo anche alla distribuzione di pasti e medicinali.

Tutto questo senza alcun intervento Statale  ma soltanto con i propri mezzi.

Ma tornando alla musica e al gruppo WakeUp Gospel Project, ricordiamo che tranquille chiese sono pervase da un’energia di solito preclusa quando c’è il Gospel.

Parola che viene fuori da God (Dio) e Spell (Storia, Novella), “Parola di Dio” o “Buona Novella”, quindi ‘Vangelo’. Il Gospel è in definitiva la storia di Dio narrata attraverso la musica e non è solo per il Natale, ma per tutti i giorni dell’anno.

Quando abbiamo voglia di un reale, fisico, coinvolgente ottimismo, il Gospel è per noi. Viene da gente che ha sofferto, è dolore trasformato in gioia.

Sotto la direzione di Graziano Leserri, l’ormai conosciutissimo gruppo WakeUp Gospel Project sia in Italia che all’estero, è costituito dal coro dei soprani Tiziana Brescia e Giusy Semeraro, dei  contralti Annalisa Baccaro e Marianna Cattolico e del  tenore Alfonso Dubla, dalla band che vede alla batteria Antonio Maggi e Alessio Santoro, al basso Leo Copertino, alla chitarra Antonio Trinchera e Nico Vignola, al piano Luca Gammariello e Giampiero Leo, e dal fonico Giuseppe Schinaia.

Organizzatori delle due edizioni del “WakeUp Gospel FEST” e già premiati nel 2011 a Torino come Miglior Gruppo Gospel Italiano, il gruppo nasce nel 2005, a Martina Franca (Taranto), affermandosi da subito come nuova e travolgente realtà italiana della Gospel Music.
Un progetto, questo, nato dal desiderio di unire assieme qualità musicale e testimonianza, interazione col pubblico e Fede.

Musica, Amicizia, Fede, e noi aggiungeremmo Energia, queste quattro parole hanno segnato la strada del gruppo gospel italiano “WakeUp Gospel Project”.

La presenza di questo gruppo e la beneficenza, renderà la serata indimenticabile per tutti i partecipanti. Come dice Graziano Leserri: “Il Gospel è un genere musicale che serve per condividere la fede, il significato della vita, anche per chi non crede intensamente nei valori cristiani, è un momento di condivisione di valori umani, per cui non esiste l’artista e il pubblico, ma siamo tutti uguali davanti al Signore”.

Vito Piepoli